Bologna, Città metropolitana ai presidi: “I vostri istituti non sono a norma”

Non è una materia semplice e comunque l’urgenza sarebbe mettere a norma, e in fretta, tutti gli edifici scolastici. Ora la situazione è a macchia di leopardo: licei in regola come il Sabin, istituti che hanno il certificato di prevenzione antincendio scaduto, altri ancora che non ce l’hanno. Il problema dell’adeguamento riguarda anche l’edilizia delle scuole di base che sono di pertinenza del Comune.

Risultati immagini per scuole sicurezza antincendio

——-

Bologna, Città metropolitana ai presidi: “I vostri istituti non sono a norma”

La lettera riguarda le superiori e si riferisce alla normativa sull’antincendio. Protesta dei dirigenti scolastici: “Non scaricate su di noi la responsabilità”

di Ilaria Venturi – 18 gennaio 2018

Bologna, Città metropolitana ai presidi: "I vostri istituti non sono a norma"
Una protesta al Serpieri degli studenti 
E’ arrivata come un fulmine a ciel sereno. “Si comunica che a decorrere dal primo gennaio il complesso edilizio a lei affidato in gestione per lo svolgimento delle attività scolastiche non è conforme alla normativa” antincendio.

La lettera è firmata dal dirigente della Città metropolitana Massimo Biagetti e ha creato scompiglio tra i presidi delle scuole superiori. Chi è sbottato: “Allora andiamo dal prefetto a consegnare le chiavi della scuola” e chi comunque non ci sta al gioco dello scarica barile sulle responsabilità, perchè i muri degli istituti superiori sono di proprietà dell’ex Provincia a cui spettano i lavori (già programmati) per adeguare gli edifici alle normative.

Il malumore è montato ieri in una riunione convocata in tutta fretta dall’assessore metropolitano alla scuola Daniele Ruscigno e stamattina il problema sarà discusso alla conferenza di servizio dei dirigenti al liceo Copernico.

Bologna, Città metropolitana ai presidi: "I vostri istituti non sono a norma"

La lettera della Città metropolitana

Dove sta l’inghippo? Da anni sulla normativa antincendio si va avanti a proroghe. Ma quest’anno la proroga non è arrivata e il decreto Milleproroghe dell’anno prima parla di una scadenza al 31 dicembre 2017. E dunque i presidi hanno letto la lettera come un “mettere nero su bianco da parte della Città metropolitana che la responsabilità è loro”. Non è una materia semplice e comunque l’urgenza sarebbe mettere a norma, e in fretta, tutti gli edifici scolastici. Ora la situazione è a macchia di leopardo: licei in regola come il Sabin, istituti che hanno il certificato di prevenzione antincendio scaduto, altri ancora che non ce l’hanno. Il problema dell’adeguamento riguarda anche l’edilizia delle scuole di base che sono di pertinenza del Comune.

Lo scorso anno, i plessi scolastici fuori norma a livello nazionale erano circa ventimila, secondo un calcolo della Uil scuola, e soltanto il 35 per cento delle scuole era dotato del certificato di prevenzione antincendi. A fine dicembre la Regione Emilia Romagna ha stanziato quasi 110 milioni per circa 300 interventi di riqualificazione, messa in sicurezza e adeguamento sismico delle scuole, oltre alla realizzazione di interventi straordinari la costruzione di nuovi edifici scolastici. La Giunta regionale ha deciso la ripartizione di 94,2 milioni destinati all’Emilia-Romagna dal ministero dell’Istruzione nell’ambito di un finanziamento complessivo di oltre 1 miliardo di euro per l’edilizia scolastica. Alla Città metropolitana sono stati assegnati 21 milioni e 195.700 euro per 49 interventi.

“L’ennesima conferma della situazione insostenibile dell’edilizia scolastica a Bologna. Abbiamo affermato con forza in più occasioni, negli incontri con la Città Metropolitana e nelle nostre mobilitazioni, la necessità di un intervento strutturale, anche rispetto alle normative di sicurezza”, protesta la Rete degli Studenti Emilia Romagna. “Abbiamo chiesto tavoli di monitoraggio per pianificare insieme interventi e priorità: abbiamo ricevuto false promesse, silenzio e ora questa circolare ai dirigenti. È ora che finisca il gioco della mancanza di presa di responsabilità politica da parte delle istituzioni” afferma Camilla Scarpa, coordinatrice regionale.
http://bologna.repubblica.it/cronaca/2018/01/18/news/bologna_citta_metropolitana_ai_presidi_i_vostri_istituti_non_sono_a_norma_-186725557/
+++++++

 

Related Posts

I bravi presidi fanno bocciare pochi alunni

I bravi presidi fanno bocciare pochi alunni

Scuole paritarie e teoria del costo standard / alcune risposte a Giuseppe Bruno

Scuole paritarie e teoria del costo standard / alcune risposte a Giuseppe Bruno

Scuole dopo crollo di Genova. I presidi-DS chiedono azioni concrete al Ministro, al Governo, al Parlamento

Scuole dopo crollo di Genova. I presidi-DS chiedono azioni concrete al Ministro, al Governo, al Parlamento

I “poveri” e le scuole private paritarie cattoliche / Ricchezza o povertà della Chiesa / mini dossier

I “poveri” e le scuole private paritarie cattoliche / Ricchezza o povertà della Chiesa / mini dossier

Se i Ds non seguiranno la circolare del nostro ministro, perché gli insegnanti dovrebbero seguire le loro?

Se i Ds non seguiranno la circolare del nostro ministro, perché gli insegnanti dovrebbero seguire le loro?

Scuole non a norma / sindaco di Messina: “faccio scoppiare un caso nazionale”

Scuole non a norma / sindaco di Messina: “faccio scoppiare un caso nazionale”

Su Vincenzo Pascuzzi

Vincenzo Pascuzzi: è stato docente precario per quasi venti anni prima del ruolo. Ha insegnato Matematica, Elettrotecnica, Fisica in vari licei, istituti tecnici e professionali di Roma. Segue le vicende dei precari e della scuola. Interviene con note e articoli su vari siti, blog, ml. Partecipa al gruppo Iuas (Insiemeunaltrascuola) e al gruppo facebook Invalsicomio.

Nessun commento ancora

Lascia un commento