Docente sospesa per 10 giorni: condannata dirigente scolastica Il Tribunale di Potenza annulla la sanzione disciplinare e dispone  il pagamento di quanto sottratto alla docente durante i 10 giorni di sospensione…(da Gilda)

 

  giovedì 6 marzo 2014

Dirigente scolastico condannata per aver sospeso dal servizio una docente “colpevole” di essersi opposta alla sospensione di un alunno.

A dichiarare nulla la sanzione disciplinare di 10 giorni inflitta all´insegnante di un istituto superiore lucano è stato il tribunale di Potenza con una sentenza emessa il 4 marzo scorso. La docente era stata ingiustamente “punita” perché durante un consiglio di classe, quindi nel pieno esercizio delle sue funzioni istituzionali, aveva espresso un´opinione diversa da quella della dirigente scolastica.

Il giudice del lavoro, accogliendo il ricorso presentato dall´insegnante, ha decretato nulla la sanzione disciplinare e ha disposto il pagamento dello stipendio e dei contributi previdenziali sottratti alla docente durante i dieci giorni di sospensione.”Il provvedimento disciplinare esercitato dalla dirigente – si legge nella sentenza – risulta in aperto contrasto con i principi fondamentali stabiliti dall´articolo 7 dello Statuto dei lavoratori”. E ancora, nelle conclusioni: “Non appare sufficientemente specificata la fonte normativa del potere disciplinare esercitato e appare evidente che quest´ultimo sia stato esercitato al di fuori delle norme che avrebbero dovuto trovare applicazione”.

“Dopo la riforma Brunetta – afferma Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti – l´abuso delle sanzioni disciplinari sta diventando un problema sempre più diffuso ma purtroppo ignorato dal ministero dell´Istruzione e dagli uffici scolastici territoriali. Sarebbe bene che il ministro Giannini, prima di ampliare i poteri dei dirigenti, si informasse sulla reale situazione delle scuole“.

Roma, 6 marzo 2014
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti