Genitori attenti: insultare un prof durante il ricevimento è reato di A.G…(da Latecnicadellascuola)

 

03/04/2014

Lo ha stabilito la Cassazione annullando la sentenza di non luogo a procedere, per il reato di ingiuria, emessa dal giudice di pace di Cecina (Grosseto) in favore delle madre di un’allieva di una scuola media del grossetano che aveva usato parole pesanti: l’insegnante è un pubblico ufficiale e nell’esercizio delle sue funzioni non può essere offeso nell’onore.

Spesso i genitori delle ultime generazioni non usano mezzi termini: un voto negativo o una punizione inflitta ai loro figli viene interpretata come un’offesa. Non pensano che quasi sempre sono la normale conseguenza di una preparazione inadeguata o un mezzo di correzione di comportamenti sbagliati. A volte rari casi, fortunatamente, passano anche alle vie di fatto. Spesso si presentano davanti ai prof dei figli con aria di sfida. E arrivano a minacciare o insultare gli insegnanti, rei di aver osato a giudicare in modo negativo i figli.

Ora, però, faranno bene a stare attenti. Per la Cassazione (sentenza 15367 della V sezione penale) quando si lasciano andare parole offensiva nei confronti dei docenti, dei pubblici ufficiali in servizio, rischiano di andare sotto processo per ingiuria – con eventualità di pena detentiva – anziché cavarsela con una multa del giudice di pace.

La Suprema Corte ha infatti annullato senza rinvio la sentenza di non luogo a procedere, per il reato di ingiuria, emessa dal giudice di pace di Cecina (Grosseto) in favore di Maria Bruna C., madre di un’allieva della scuola media ‘Fattori’ di Rosignano-Solvay che aveva usato parole pesanti nei confronti di una insegnante della figlia durante un incontro, a scuola, sul rendimento negli studi della ragazzina.

I supremi giudici, pur non rendendo note le parole offensive rivolte all’insegnante e per le quali il giudice di pace aveva ritenuto di non procedere hanno trasmesso tutti gli atti alla Procura di Livorno accogliendo il ricorso del pg di Firenze contro il proscioglimento della mamma. Secondo la Procura, in casi del genere, si configura non la semplice ingiuria ma il più grave reato di offesa a pubblico ufficiale.

“Erroneamente”, per la Suprema Corte, il giudice di pace aveva chiuso un occhio sull’ingiuria e aveva archiviato la vicenda: il delitto di oltraggio a pubblico ufficiale, dopo l’abrogazione, è stato infatti “reintrodotto” nel 2009 con alcune modifiche. Con una serie di precisazioni. Primo: “l’offesa all’onore e al prestigio del pubblico ufficiale deve avvenire alla presenza di più persone”, poi “deve essere realizzata in luogo pubblico o aperto al pubblico”. Infine, “deve avvenire in un momento nel quale il pubblico ufficiale compie un atto di ufficio nell’esercizio, o causa dell’esercizio, delle sue funzioni”.

E queste condizioni furono attuate nella scuola ‘Fattori’: tanto è vero che le parole offensive pronunciate dalla mamma contro la prof. ‘volarono’ “nei locali scolastici, in modo tale da essere percepite da più persone”.

Gli ‘ermellini’ hanno tenuto a precisare che la discussione tra mamma e prof. riguardava “questioni scolastiche” e non vicende di tipo “personali”. E siccome “l’insegnante di scuola media è un pubblico ufficiale, e l’esercizio delle sue funzioni non è circoscritto alla tenuta delle lezioni ma si estende alle connesse attività preparatorie, contestuali e successive, ivi compresi gli incontri con i genitori degli allievi”, offenderlo durante l’orario di ricevimento diventa a tutti gli effetti un reato.