Maturità 2019, Fiorucci (Fgc): “Studenti cavie per un esame sperimentali”

«I maturandi del 2019 vengono utilizzati come cavie da laboratorio, per sperimentare una modalità d’esame con pochi mesi di preavviso. La nuova tipologia di seconda prova spingerà gli insegnanti a modificare i programmi in fretta per fornire una preparazione adeguata in vista dell’esame. Una corsa contro il tempo a tutto discapito dei contenuti, perché fin dalle simulazioni fornite agli studenti questa modalità dimostra un carattere schematico e semplicistico, che privilegia l’apprendimento nozionistico alla comprensione critica. Non stupisce che dall’anno prossimo i test INVALSI saranno requisito per accedere all’esame, che le “tesine” dei maturandi oggi siano sostituite da temi a scatola chiusa e la terza prova sia stata eliminata. Insomma, un passo avanti per adeguarsi agli standard europei – come ha chiarito il MIUR – e un grande passo indietro per una formazione completa dei giovani»

——-

Maturità 2019, Fiorucci (Fgc): “Studenti cavie per un esame sperimentali”

Il Ministero dell’Istruzione ha comunicato nei giorni scorsi le materie d’esame alla seconda prova di maturità del 2019. La modalità scelta è del tutto inedita e prevede la cosiddetta “doppia materia”: non sarà più estratta a sorte una delle discipline di indirizzo, ma figureranno insieme in una prova mai sperimentata.

Al liceo scientifico l’esame verterà quindi su matematica-fisica, al classico su latino-greco e così via. Una novità che ha suscitato le giuste e immediate critiche di studenti e professori per il suo carattere dequalificante e per le modalità con cui è stata introdotta.

«Il nuovo esame di stato danneggia la scuola e chi la vive ogni giorno» dichiara Alessandro Fiorucci, resp. scuola del FGC.

«I maturandi del 2019 vengono utilizzati come cavie da laboratorio, per sperimentare una modalità d’esame con pochi mesi di preavviso. La nuova tipologia di seconda prova spingerà gli insegnanti a modificare i programmi in fretta per fornire una preparazione adeguata in vista dell’esame. Una corsa contro il tempo a tutto discapito dei contenuti, perché fin dalle simulazioni fornite agli studenti questa modalità dimostra un carattere schematico e semplicistico, che privilegia l’apprendimento nozionistico alla comprensione critica. Non stupisce che dall’anno prossimo i test INVALSI saranno requisito per accedere all’esame, che le “tesine” dei maturandi oggi siano sostituite da temi a scatola chiusa e la terza prova sia stata eliminata. Insomma, un passo avanti per adeguarsi agli standard europei – come ha chiarito il MIUR – e un grande passo indietro per una formazione completa dei giovani»

«Il governo vuole trascinare la scuola nel baratro, a suon di tagli sui fondi e sulla didattica» conclude Fiorucci «Non possiamo accettare questa svendita della nostra educazione, che prosegue da decenni. Abbiamo il dovere di alzare la voce contro chi colpisce l’istruzione con manovre folli, perché subire a testa bassa non cambierà le cose»

§ https://www.cagliaripad.it/362224/maturita-2019-fiorucci-fgc-studenti-cavie-per-un-esame-sperimentali

+++++++

 

Related Posts

Teatro Brancati: debutta il 14 novembre “Chi vive giace”, una black comedy con David Coco diretta da Armando Pugliese

Teatro Brancati: debutta il 14 novembre “Chi vive giace”, una black comedy con David Coco diretta da Armando Pugliese

Con un dolce Beethoven il pianista Alberto Ferro  conquista il Teatro Massimo Bellini

Con un dolce Beethoven il pianista Alberto Ferro conquista il Teatro Massimo Bellini

Domenica 10 novembre debutta al teatro Ambasciatori “Il principe ranocchio” per la regia di Bisicchia e Giustolisi

Domenica 10 novembre debutta al teatro Ambasciatori “Il principe ranocchio” per la regia di Bisicchia e Giustolisi

Debutta il 9 novembre al Teatro Musco “Le mille bolle blu”, storia d’amore omosessuale

Debutta il 9 novembre al Teatro Musco “Le mille bolle blu”, storia d’amore omosessuale

Esilarante debutto della XII stagione del Brancati con Tuccio Musumeci e “Gli industriali del ficodindia”

Esilarante debutto della XII stagione del Brancati con Tuccio Musumeci e “Gli industriali del ficodindia”

Il 23 ottobre “Deadbook” inaugura la quarta stagione di Teatro Mobile di Catania

Il 23 ottobre “Deadbook” inaugura la quarta stagione di Teatro Mobile di Catania

Su Vincenzo Pascuzzi

Vincenzo Pascuzzi: è stato docente precario per quasi venti anni prima del ruolo. Ha insegnato Matematica, Elettrotecnica, Fisica in vari licei, istituti tecnici e professionali di Roma. Segue le vicende dei precari e della scuola. Interviene con note e articoli su vari siti, blog, ml. Partecipa al gruppo Iuas (Insiemeunaltrascuola) e al gruppo facebook Invalsicomio.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.