lettera al provveditorato: «Serve una regia sui licei visto che a Milano è l’indirizzo più richiesto e non ci sono abbastanza spazi. Allo scientifico da anni le domande superano i posti in tanti istituti. E stiamo raccogliendo le proteste delle famiglie: chi ha accettato posti fuori zona, chi si è rivolto alle paritarie ma non lo aveva previsto. E alcuni sono ancora in stand-by»

[Bugiardino. “A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina” …. v.p.]

——-

L’ALLARME

Milano, esuberi nei licei scientifici: «Costretti a iscriverci alle paritarie»

Sono 90 le domande di iscrizione respinte quest’anno al liceo scientifico Einstein e smistate in altre scuole. L’Ufficio scolastico di Milano: «Abbiamo programmato un incontro a breve con i dirigenti dei licei e con Città Metropolitana»

di Federica Cavadini – milano.corriere.it – 13 febbraio 2019 | 10:40
Milano, esuberi nei licei scientifici: «Costretti a iscriverci alle paritarie»

Da una scuola statale a una paritaria per il tutto esaurito al liceo scientifico. È il fuori programma imprevisto per più famiglie rimaste senza posto negli istituti che avevano scelto. La protesta arriva alle scuole e come era accaduto lo scorso anno per i licei classici il provveditorato chiama a raccolta presidi e istituzioni e si cercano soluzioni. «Per l’indirizzo scientifico i numeri sono sempre alti ma ci sono scuole come l’Einstein che hanno avuto fino a cento esuberi. Abbiamo programmato un incontro a breve con i dirigenti dei licei e con Città Metropolitana», dice Yuri Coppi, direttore dell’Ufficio Scolastico di Milano.

La preside dell’Einstein, che aprirà dieci classi prime e ha lasciato fuori oltre novanta studenti, ha scritto nei giorni scorsi una lettera al provveditorato: «Serve una regia sui licei visto che a Milano è l’indirizzo più richiesto e non ci sono abbastanza spazi. Allo scientifico da anni le domande superano i posti in tanti istituti. E stiamo raccogliendo le proteste delle famiglie: chi ha accettato posti fuori zona, chi si è rivolto alle paritarie ma non lo aveva previsto. E alcuni sono ancora in stand-by», spiega Alessandra Condito. E presenta i numeri del suo liceo: gli studenti smistati sono stati cento anche lo scorso anno, e settanta l’anno precedente: «È la tendenza, nessuna sorpresa, intervenire è urgente». Il Volta ha il test d’ingresso da cinque anni e ne prende uno su quattro. Anche il Leonardo (che il test lo ha abbandonato) non può accogliere tutte le iscrizioni: «Almeno venti sono fuori, lo scorso anno più di sessanta», dice il vicepreside Guglielmo Pagani. Spiega Condito che le segreterie stanno facendo un lavoro di rete per organizzare gli spostamenti su altri istituti. «Ma non ci sono più posti, dal Leonardo al Vittorini al Cremona, classi piene. Il Donatelli ha accolto gli ultimi studenti che abbiamo inviato». L’appello della preside è rivolto anche all’amministrazione comunale: «Ci sono istituti comprensivi che hanno spazi liberi e potrebbero cederli alle superiori. Con gli esuberi un liceo come l’Einstein potrebbe aprire una succursale da quattro sezioni».

Una cabina di regia con provveditorato e Città Metropolitana era stata la richiesta dei presidi dei classici lo scorso anno quando il Carducci aveva respinto sessanta domande. Poi l’apertura di una succursale, che anche quest’anno ospita classi del classico. Mentre il Tito Livio, con 280 iscritti, ha prenotato aule per le sezioni del coreutico all’istituto Galilei in zona San Siro.

+++++++