Organico di diritto del personale docente per l’anno scolastico 2011/2012 (09-03-11) La Segreteria Nazionale CISL Scuola informa che il MIUR ha diramato le tabelle di determinazione degli organici ed è imminente la circolare di accompagnamento al D.I…

* * * * *

Nell’incontro è stata consegnata alle OO.SS. Scuola una rilevazione, da tempo richiesta da tutte le OO.SS., relativa ai licei musicali e coreutici attivati, che appare però ancora non completamente attendibile rispetto al numero di studenti frequentanti. Dai dati consegnati risulta:
– per i licei musicali l’attivazione di 37 sezioni con 48 classi complessive frequentate da 1.186 studenti,
– per i licei coreutici la costituzione di 5 sezioni/classi frequentate da 102 studenti.
Nessuna indicazione definitiva è stata ancora fornita riguardo alla situazione di fatto del personale docente utilizzato, mentre è stato evidenziato un ulteriore incremento della spesa stimata per questi indirizzi, il cui costo, correlato in ciascuna classe sia al numero di studenti sia degli insegnamenti di strumento attivati, risulterebbe essere, anche in termini di personale docente impegnato, circa quattro volte superiore a quello delle altre classi degli altri percorsi di studio.
La rilevazione è stata accompagnata da una sintesi dei dimensionamenti, anch’essa non completa, dalla quale emergono richieste di altre 45 sezioni musicali e 8 sezioni coreutiche. Al riguardo l’Amministrazione ha sottolineato che i Direttori Regionali, nel valutare le possibilità di accoglimento dei piani regionali, dovranno considerare, oltre alla compatibilità con il contingente di posti assegnato, di quanto ciascuna classe, come sopra ricordato, incida in termini di costo.
L’Amministrazione ha comunicato anche che a breve avrà luogo in sede MIUR un approfondito esame, anche con l’apporto di esperti esterni, del complesso quadro giuridico che si delinea a seguito della sentenza 41 della Corte Costituzionale sulle graduatorie ad esaurimento. Caduta, dopo il decreto mille proroghe, l’ipotesi di congelamento per un anno delle graduatorie, l’Amministrazione ipotizza l’emanazione del provvedimento di aggiornamento nel mese di aprile, con fissazione del termine di presentazione delle domande entro maggio. Tuttavia restano da definire le modalità con cui si darà corso alla procedura, per la quale deve comunque escludersi la possibilità di inserimenti in più di una provincia.