Organico di diritto: ko per la Sicilia Nel 2014/2015 si perdono 504 posti; solo 6 posti in più nell’infanzia…(da ceripnews)

Sugli organici è già guerra sulle cifre. Anche se c’è pareggio tra gli organici 2014/2015 e 2013/2014 come dato assoluto nazionale, da un’attenta analisi dei dati emerge uno scenario affatto positivo, a fronte di 33mila alunni in più stimati dallo stesso Miur.

Vediamo la situazione nazionale confrontando l’O.D. 2013/2014 e la previsione di O.D. 2014/2015:

 

O.D. 2013/2014

O.D. 2014/2015

Differenza -/+

Infanzia

81.352

81.771

+419

Primaria

198.850

198.787

-63

Secondaria I grado

131.761

130.846

-915

Secondaria II grado

188.876

189.435

-559

La situazione siciliana è la seguente:

 

O.D. 2013/2014

O.D. 2014/2015

Differenza -/+

Infanzia

8.645

8.651

+6

Primaria

17.224

17.049

-175

Secondaria I grado

14.337

14.177

-160

Secondaria II grado

18.761

18.586

-175

In Sicilia, pertanto, nel biennio in esame si perdono ben 504 posti (-510+6=-504) passando da un totale di 58.967 posti nell’O.D. 2013/2014 a 58.463 nell’O.D. 2014/2015. In aumento solo la scuola dell’infanzia con appena 6 posti in più! Incredibile, ma vero, per una Regione che ha fame atavica di sezioni di scuola dell’infanzia statale con le famiglie che continuano a svenarsi mensilmente mandando i figli nella scuola dell’infanzia non statale, paritaria o meno che sia!
Leggendo i dati totali, le uniche regioni che hanno una differenza positiva sono: Emilia Romagna (+396), Friuli Venezia Giulia (+26), Friuli Venezia Giulia con insegnamento in lingua Slovena (+4), Lazio (+246), Liguria (+44), Lombardia (+410), Marche (+8), Piemonte (+66), Toscana (+269), Veneto (+88).