Pensione per i professori, i sindacati:  “Uscite flessibili per favorire i giovani”…

 

La proposta di Gilda e Cisl per ‘ammorbidire’ la riforma Fornero: cumulare negli ultimi 5 anni part-time e metà pensione. Torna alla ribalta il problema del burnout, dei docenti ‘scoppiati’ per lo stress da lavoro

di Salvo Intravaia, la Repubblica 18.5.2013

REGOLE particolari per i pensionamenti della scuola. A chiederlo sono Gilda degli insegnanti e Cisl. A indurre una prima riflessione sull’applicazione della legge Fornero al personale della scuola sono stati i dati degli ultimi pensionamenti, ma anche la fatica che ogni giorno fanno gli insegnanti in classe con la prospettiva di non potere lasciare la cattedra prima dei 67 anni. Qualche giorno fa, la Gilda ha proposto al nuovo ministro, Maria Chiara Carrozza, di consentire ai docenti di cumulare, nel corso degli ultimi 5 anni di servizio, part-time e metà pensione. In questo modo è possibile liberare posti da assegnare ai giovani docenti e ai precari in attesa di essere assunti.

La prima applicazione della legge Fornero al personale scolastico ha più che dimezzato le uscite per pensionamenti: dai 21.000 docenti e 5.336 Ata del 2012, ai 10.000 docenti e 3.343 ATA di quest’anno. Un dato che preoccupa non poco i sindacati perché quello dell’Istruzione, ormai da anni, e soprattutto in questo momento di crisi, è l’unico ministero che assume a ritmi costanti e con numero considerevoli: 21mila insegnanti lo scorso mese di settembre. Assunzione che, con l’attuale legge sui pensionamenti, sarà impossibile ripetere. Secondo Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda, l’obiettivo della proposta è quello di “sanare in una volta sola due grandi problemi della scuola: quello di decine di migliaia di precari abilitati, fermi nell’eterna lista di attesa, e quello di altrettanti docenti anziani che, stoppati dalla riforma Fornero, fanno sempre più fatica a reggere il carico di lavoro“.

Una circostanza ben nota a chi si occupa da anni di stress degli insegnanti, come Vittorio Lodolo D’Oria  –  il medico che per primo in Italia ha affrontato il tema del burnout (che significa “bruciato”, “scoppiato”) dei docenti. Già nel 2006 Fioroni, durante la sua breve esperienza a viale Trastevere, propose uscite anticipate per le insegnanti della scuola dell’infanzia, le più esposte alle patologie psichiatriche legate allo stress da lavoro. Ma poi non se ne fece più nulla.

Adesso, con l’aumento di quasi 10 anni dell’età pensionabile, i sindacati ritornano sulla questione. La soluzione proposta dalla Gilda, afferma Di Meglio, “consentirebbe di creare rapidamente almeno 100mila  posti liberi a tempo parziale, ponendo fine alla questione delle graduatorie a esaurimento“.

Il neo ministro dell’Istruzione  –  conclude il leader della Gilda  –  ha dichiarato di voler risolvere il problema del precariato e la Gilda degli Insegnanti formula una proposta concreta. Tocca al governo adesso dimostrare che vuole andare oltre i soliti annunci“. Anche la Cisl  –  per tutti i lavoratori  –  è uscita con una proposta per consentire l’uscita flessibile dei lavoratori, sfruttando il part-time, che propone “l’utilizzo contrattato e volontario del part-time negli ultimi anni della carriera lavorativa, senza penalizzazioni per i lavoratori interessati e lo sviluppo di forme mutualistiche integrative finalizzate a consentire un’uscita anticipata dal lavoro, da sostenere con opportuni incentivi fiscali e previdenziali”.

Misure, afferma il segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, che “possono contribuire positivamente all’obiettivo di aumentare progressivamente l’età effettiva di pensionamento in una prospettiva socialmente sostenibile”.