Le modifiche alla tabella di valutazione dei titoli per l’accesso alle graduatorie d’istituto sono state apportate in modo superficiale e senza alcun confronto, e con strumenti normativi non appropriati…

Lo affermano in una nota congiunta la Cisl Scuola e le altre sigle rappresentative del comparto, annunciando di aver impugnato davanti al giudice amministrativo il decreto ministeriale n. 308 del 15 maggio scorso.
I sindacati denunciano la totale assenza di confronto su una materia che, per la sua delicatezza e per i tanti interessi coinvolti, avrebbe richiesto maggior attenzione e disponibilità da parte del MIUR e delle forze politiche di maggioranza, che hanno invece scelto la via delle decisioni unilaterali, imboccando – a differenza di quanto sempre avvenuto in passato su questi temi – vere e proprie scorciatoie normative per eludere passaggi di verifica e controllo che sarebbero stati invece quanto mai necessari e opportuni. Un simile modo di procedere risulta viziato sotto il profilo della legittimità, al punto da rendere facilmente prevedibile un diffuso contenzioso.