24 settembre 2015 ore 17:00

Aula Magna Mario Arcelli Viale Pola, 12 – Roma

 

26am

Una presentazione del saggio di Roger Abravanel e Luca D’Agnese.

Quello che cercano oggi i datori di lavoro è una miscela di impegno, iniziativa e responsabilità che va oltre le competenze specialistiche e professionali e che dovrebbe diventare il cuore pulsante di un rinnovamento profondo della scuola.
Un rinnovamento importante innanzitutto per le famiglie italiane che, secondo un recente sondaggio, appaiono più interessate al miglioramento della qualità dell’istruzione di quanto comunemente si pensi. Chiedono al Governo innovazioni coraggiose nei metodi di insegnamento, di valutazione delle scuole e degli orari.

A partire dalle riflessioni contenute nel saggio di Roger Abravanel, scritto con Luca D’Agnese, e dal sondaggio da loro curato per il Corriere della Sera, si terrà il prossimo 24 settembre nell’Aula Magna della LUISS un confronto tra alcuni importanti protagonisti del mondo del lavoro e dell’istruzione.

Assieme agli autori, animeranno il dibattito Massimo Egidi Rettore LUISS, Ivan Lo Bello Vice Presidente Confindustria con delega all’Educazione, Milena Mondini De Focatiis CEO ConTe.it e Marcello Albergoni Country Manager di Linkedin per Italia e Spagna.

Interverrà il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini.

L’incontro sarà moderato da Antonio Polito, Vicedirettore del Corriere della Sera.

http://www.luiss.it/evento/2015/09/24/la-ricreazione-e-finita-scegliere-la-scuola-trovare-il-lavoro

+++++++

 

Riforma. Abravanel: “Ai genitori e studenti interessa più la qualità dell’insegnamento che i problemi dei precari”

di Giulia Boffa – 19 settembre, 2015 – 18:46 

Il docente e studioso Roger Abravanel è autore del saggio “La ricreazione è finita”, presentato nel corso di un incontro con gli studenti organizzato a Pordenone dall’Irse (Istituto regionale di studi europei).

Il saggio è un manuale, ha spiegato l’autore, che intende fornire alle famiglie e agli studenti utili suggerimenti per scegliere il percorso scolastico migliore e riuscire a trovare lavoro. Non è quindi un saggio sulla Buona Scuola, anche se l’autore ha condotto un sondaggio di recente sulla riforma: la maggior parte delle famiglie e degli studenti italiani pensa che la riforma non cambierà nulla, oppure non è stata capita, o ancora che porterà danno. Per il 75% degli studenti e delle famiglie italiane il problema più importante della scuola è la qualità degli insegnanti e il metodo di insegnamento; i media, secondo questa maggioranza dovrebbero soffermarsi su questi problemi, e non su quelli degli insegnanti precari, che alle famiglie interessano molto poco.

Abravanel ha annunciato che presenterà il sondaggio alla Luiss di Roma il 24 settembre al ministro Giannini, insieme ad una delegazione di rappresentanti del mondo del lavoro tra cui un esponente di Linkedin.

http://www.orizzontescuola.it/news/riforma-abravanelai-genitori-e-studenti-interessano-pi-qualit-dellinsegnamento-che-problemi-dei

+++++++

 

Sondaggio Abravanel: 3 famiglie su 4 pensano che la riforma non cambierà nulla

di Alessandro Giuliani – Sabato, 19 Settembre 2015

“Tre quarti delle famiglie e degli studenti italiani, pensano che la riforma ‘buona scuola’ non cambierà nulla, oppure non l’hanno capita o addirittura ritengono possa arrecare danno”.

A dichiararlo, il 19 settembre a Pordenone, è stato il docente e studioso Roger Abravanel, autore del saggio “La ricreazione è finita”, presentato nel corso di un incontro con gli studenti organizzato dall’Istituto regionale di studi europei. Lo studioso ha detto di aver recepito il basso gradimento verso la riforma da un “sondaggio condotto di recente”.

Dalla raccolta delle opionioni è scaturito che “per il 75% degli studenti e delle famiglie italiane il problema più importante della scuola” è “la qualità degli insegnanti e il metodo di insegnamento. Un tema sul quale anche i media dovrebbero concentrarsi, invece di continuare a parlare del problema degli insegnanti precari, questione che ai fruitori reali della scuola interessa davvero poco”.

Quindi, Abravanel si è dedicato al saggio: “non parla della legge sulla buona scuola, ma è un manuale – ha spiegato l’autore – che intende fornire alle famiglie e agli studenti i suggerimenti utili per scegliere, caso per caso, il percorso scolastico migliore e riuscire a entrare nel novero di quei 300.000 giovani che al termine del percorso trovano lavoro“.

Lo studioso ha anche annunciato che il 24 settembre, insieme con una delegazione di rappresentanti del mondo del lavoro tra cui un esponente di Linkedin, incontrerà alla Luiss di Roma il ministro Giannini, “per presentarle i risultati del sondaggio e avviare insieme un dibattito sulle reali aspettative di famiglie e studenti rispetto alla Buona Scuola”.

 

http://www.tecnicadellascuola.it/item/14011-sondaggio-abravanel-3-famiglie-su-4-pensano-che-la-riforma-non-cambiera-nulla.html

+++++++

 

Altri link

Una scuola davvero buona? Cinque consigli per la riforma. Di Roger Abravanel

http://meritocrazia.corriere.it/2015/03/16/una-scuola-davvero-buona-cinque-consigli-per-la-riforma-di-roger-abravanel/

Promossi i test Invalsi e le riforme più coraggiose

http://www.retescuole.net/senza-categoria/promossi-i-test-invalsi-e-le-riforme-piu-coraggiose

La ricreazione è finita. Scegliere la scuola, trovare il lavoro Copertina rigida – 16 apr 2015

di Roger Abravanel (Autore), Luca D’Agnese (Autore)

http://www.amazon.it/ricreazione-finita-Scegliere-scuola-trovare/dp/881707571X

Abravanel lo stregone dietro alla Gelmini

https://irradiazioni.wordpress.com/2010/12/01/abravanel-lo-stregone-dietro-alla-gelmini/

Roger Abravanel: 110 e lode … in svarioni

http://www.roars.it/online/tag/roger-abravanel/