bisognerebbe abolire del tutto i voti di consiglio (meglio o almeno il loro abuso e generalizzazione), poter mettere solo VOTI VERI decisi dai docenti, lasciare alle famiglie la scelta di far ripetere eventualmente i loro studenti sulla base di una pagella non menzognera

ANAMNESI, DIAGNOSI E UNA CRUDELE OPERAZIONE VERITA’

5) Soprattutto occorre una crudele operazione verità su voti, esami e diplomi attuali. È mia convinzione che questo aspetto:

a) sia completamente fuori binario o rotta: troppi voti vengono alterati per negare e nascondere sia l’impreparazione che l’inadeguatezza di programmi e didattica;

b) ci sia un’assuefazione (dal Miur in giù) a mentire e a credere nelle menzogne (proprie e altrui);

c) la soluzione non può consistere in maggiore severità e rigore e quindi maggiori bocciature di chi non merita;

d) bisognerebbe abolire del tutto i voti di consiglio (meglio o almeno il loro abuso e generalizzazione), poter mettere solo VOTI VERI decisi dai docenti, lasciare alle famiglie la scelta di far ripetere eventualmente i loro studenti sulla base di una pagella non menzognera; questa ipotesi può apparire come l’abolizione delle bocciature, ma in realtà non lo è;

e) rendere alcune discipline opzionali e stabilire un carico sopportabile di ore di lezione a scuola (non più di cinque) e di studio individuale a casa (a scuola, nei professionali si arriva alla 7ª ora e anche all’8ª ora); anche i 200 giorni/anno di lezione andrebbero ridotti e allineati alle decantate (quando fanno comodo) medie europee.

https://www.blogger.com/comment.g?blogID=2437060168770673181&postID=5453187717415905429