alt“Come coordinamento degli assessori regionali alla Istruzione – sottolinea Autilio – siamo riusciti in passato, attraverso un fronte istituzionale unitario, con l’eccezione delle Regioni Veneto e Lombardia, a sventare ogni tentativo del Ministro Gelmini di ‘spacchettare’ l’istruzione, facendo prevalere interessi di parte a quelli generali della qualità dello studio e dei diritti dei docenti ad insegnare in una qualsiasi scuola del Paese. Siamo in attesa di verificare adesso la posizione che assumeranno le nuove giunte di Lazio, Campania, Calabria”


20-04-2010

ANTONIO AUTILIO (BASILICATA), ANNUNCIO GELMINI COLPISCE PRECARI SUD

(ASCA) – Potenza, 20 apr – ”L’annuncio del ministro Gelmini di introdurre dal nuovo anno scolastico graduatorie regionali per i docenti è una pesante concessione alla Lega che colpisce soprattutto i precari meridionali e rappresenta un pesante attacco al modello di istruzione pubblica nazionale”. A sostenerlo è Antonio Autilio (Idv), assessore regionale uscente alla Formazione, Lavoro e Cultura della Basilicata.

”Come coordinamento degli assessori regionali alla Istruzione – sottolinea Autilio – siamo riusciti in passato, attraverso un fronte istituzionale unitario, con l’eccezione delle Regioni Veneto e Lombardia, a sventare ogni tentativo del Ministro Gelmini di ‘spacchettare’ l’istruzione, facendo prevalere interessi di parte a quelli generali della qualità dello studio e dei diritti dei docenti ad insegnare in una qualsiasi scuola del Paese. Siamo in attesa di verificare adesso la posizione che assumeranno le nuove giunte di Lazio, Campania, Calabria che in precedenza si sono battute con la Regione Basilicata proprio per evitare le graduatorie regionali del personale della scuola e tutelare i docenti in gran parte del Sud che lavorano al Nord dove la carenza di docenti e personale amministrativo ed ausiliario si è fatta sentire per anni. Ci preoccupa inoltre la tesi leghista che ha trovato accoglimento nel governo di centrodestra, ancora una volta a testimonianza che dopo le elezioni regionali è sempre piu’ ”ostaggio” del partito di Bossi, perché – dice Autilio – non è certo questo il federalismo a cui pensiamo”.

res/sam/alf

(Asca)