Cari Colleghi precari, ho visto che appassiona molto ( a me francamente neanche un po’), sulla nostra pagina di Professione Insegnante ( 25.000 e più iscritti), una vecchia polemica, animata da articoli apparsi su Orizzontescuola e su altre prestigiose testate on line, una polemica stantia e divisiva sui trasferimenti nelle graduatorie provinciali dal Sud al Centro- Nord in base alle risultanze delle graduatorie provvisorie, sul toto province triennale, cosa che mette sempre più all’ordine del giorno la mia vecchia idea di graduatoria nazionale con libere opzioni annuali…
Su questo se Salvo Amato è d’accordo, potremmo fare una raccolta firme come quella appena conclusa ( oltre 42.000 firme), e mettere la proposta al centro del dibattito con il coinvolgimento dei decisori politici; ma io voglio qui porre alla vostra attenzione un altro problema , che è urgente, in quanto nelle prossime settimane saranno poste in essere tutte le procedure per le immissioni in ruolo da concludersi improrogabilmente entro il 31 agosto.

Sapete che è intenzione del governo Renzi fare immissioni in ruolo ancora una volta non su tutti i posti vacanti dopo i trasferimenti, come chiediamo da anni e come del resto chiedono nelle loro dichiarazioni alla stampa tutti i sindacati della scuola ma su una quota parte. Ebbene la politica su questo nicchia e/o preferisce spostare in avanti il problema, vedi le più recenti dichiarazioni di Reggi, il vero ministro ombra del PD che ha commissariato il ministro legale, la Giannini . Noi dobbiamo incalzare la maggioranza e anche l’opposizione parlamentare. Il problema fu lasciato insoluto purtroppo nel decreto Carrozza, oggi possiamo chiedere che in sede di conversione in legge del decreto Madia sulla PA si faccia quello che il Governo Letta non seppe o meglio non volle fare. Bisogna chiedere nella fase di approvazione in Senato del decreto legge sulla PA, ( vedete che il Senato serve, eccome!) non so se sia ancora possibile, che si sancisca definitivamente che le immissioni in ruolo dei docenti s facciano su tutti i posti vacanti dopo la mobilità dei docenti a tempo indeterminato, integrando il decreto Carrozza. Sarebbe un provvedimento a costo zero in quanto le immissioni in ruolo, come ha purtroppo previsto la Carrozza, non devono costare più delle supplenze annuali, previo accordo sindacale che blocca la carriera economica del neo assunto. Basta con battaglie di retroguardia Nord /Sud dal colore vagamente razzista, cerchiamo una buona volta di fare le giuste azioni e pressioni sia sulla politica sia sui sindacati, ai quali chiediamo non di lamentarsi ex post ma di attivare i loro canali politici per ottenere quanto è giusto che si faccia! Ovviamente io non posso essere delegato a ciò, non sono un sindacalista e non voglio esserlo, posso al limite scrivere l’emendamento, ma dovete, parlo per gli interessati quest’ano e negli anni a venire, darvi da fare con tutti i partiti e con i sindacati. Metteteli dopo cotali dichiarazioni, davanti alle loro responsabilità politiche.

Libero Tassella