RIFORMA SECONDARIA

Secondaria: pronto il parere della commissione Cultura

Acquisiti nei giorni scorsi i pareri del Consiglio di Stato sugli schemi di regolamento dei licei, degli istituti tecnici e degli istituti professionali, la Commissione Cultura della Camera si appresta a sua volta ad approvare i pareri di sua competenza, necessari per il varo in via definitiva dei regolamenti da parte del Consiglio dei ministri…(da Tuttoscuola)

Continua a leggere

Laboratorio di geografia: l’incontro tra discipline scientifiche e discipline umanistiche

Una scuola che voglia qualificarsi come radicalmente innovativa, pur nella tradizione, non può prescindere dalla ricomposizione della storica frattura tra discipline scientifiche e discipline umanistiche. Ovviamente, se si riesce da parte dei docenti ad ottenere la ricomposizione di questa scissione, non solo si modificano l’insegnamento e l’apprendimento, ma si modifica anche il modo di concepire e praticare la scuola…(da in storia, rivista di storia e informazione)

Continua a leggere

CONCORSO DS: L’INCOMPRENSIBILE POSIZIONE..

L’articolo pubblicato su “La Sicilia” nell’edizione del 6 gennaio u.s a firma di M.C. sulla problematica dei docenti che ricoprono ancora il posto di dirigenti nonostante il CGA abbia annullato gli atti concorsuali, lascia chiaramente vedere quanto poco spazio sia rimasto alla legalità oggi in Italia…(RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL COLLEGA GIUSEPPE D’URSO)

 

 

Continua a leggere

AFFAIRE DS SICILIA: MA PERCHE’ NON..

AFFAIRE DS SICILIA: MA PERCHE’ NON SE NE DEVE PARLARE?

Questo non è un articolo sul concorso dirigenti in Sicilia. Questo è un articolo sulla tanto decantata libertà e correttezza d’informazione.
Ora, esiste una legge fondamentale del giornalismo, una legge quasi lapalissiana, il motto del mitico Panorama di Lamberto Sechi: distinguere nettamente i fatti dalle opinioni. E soprattutto parlare dei fatti, parlarne, metterli in evidenza perché parlino, scusate il gioco di parole, con la forza stessa dell’evidenza. Non si devono tacere i fatti. Perché, se si tacciono i fatti, prevalgono le opinioni, e va bene tutto e il contrario di tutto.
Marco Travaglio fa un esempio calzante a tal proposito: se ci chiudiamo in una stanza al buio e ci chiedono che tempo fa fuori, ciascuno potrà legittimamente sostenere che fuori nevica, piove o c’è il sole. Ma se spalanchiamo una finestra e vediamo che piove, si potrà commentare quanto si vuole, ma fuori piove. Punto. E’ un fatto.
Prendiamo questo concorso dirigenti in Sicilia. Ha avuto un iter tortuoso, a suon di sentenze, ricorsi e accertamento di irregolarità. Un pasticciaccio brutto, un caso unico nella storia dei concorsi dirigenziali della scuola, che ci è dispiaciuto e non ci ha fatto onore come regione e come popolo. Ma ci sono stati una serie di fatti. Il fatto conclusivo è stata una sentenza esecutiva del Cga, che, dopo aver naturalmente accertato e appurato le modalità di svolgimento del concorso, ha preso una decisione gravissima sicuramente, e dolorosa per molti: lo ha annullato.
Di questi fatti il giornalismo, in particolare quello siciliano, deve interessarsi o no? Il giornalismo vero, quello che non ha padroni e non fa il megafono di questo o di quello, il giornalismo vero, che ci tiene affinchè nelle scuole siciliane esistano dirigenti veramente preparati, venuti fuori da un concorso corretto e incorrotto, ha il dovere di focalizzare la sua attenzione sull’argomento?
A quanto pare dalle reazioni, no. Il caso concorso dirigenti scolastici in Sicilia è stato un terreno minato, dove, ad ogni passo, si è rischiato di saltare in aria, da un momento all’altro. Perché pubblicare la sentenza del Cga, una sentenza pubblica, di pubblico dominio, presente ovunque su internet? Perché seguire le vicende dei tentativi politici di salvaguardare i presidi, ricavandole da siti seguitissimi, quali quelli di Camera e Senato? Perché questa attenzione per i fatti? Meglio tacere, parlar d’altro, magari ascoltarci una bella canzone d’amore, è più gradevole e fa meno male. Troncare, sopire, sopire, troncare: il buon Manzoni docet.
Ma il giornalismo, quello vero, ormai una rarità in estinzione, lavora innanzitutto sui fatti e i fatti sono inequivocabili, oggettivi, stanno lì, basta solo conoscerli e farli conoscere. E’ inutile chiedersi cui prodest. Giova alla verità, alla nostra voglia di sapere e capire. Tutto qua. E’ assurdo dire che dare una notizia determina la rovina dei protagonisti; e a tal proposito il prof Tripodi, presidente dell’Asasi, scrive a Repubblica affermando che il quotidiano “non perde occasione per far licenziare 427 persone oneste che hanno avuto il solo torto di vincere un concorso non truccato in Sicilia.”
Quindi è l’informazione a fare perdere il posto ai presidi, il fatto che se ne parli, non una sentenza della magistratura, con fatti accertati e incontestabili. Cose da pazzi,
E magari chi ne discute viene etichettato come Leonardo Sciascia, il quale fu visto come uno scrittore che, dicendo semplicemente la verità sulla Sicilia, ne parlava male, la metteva in cattiva luce. La storia si ripete, nella nostra isola meglio chiudersi la bocca e guai a chi parla troppo.
Ma continuiamo nel nostro ragionamento. Dopo i fatti ci sono le opinioni. Cioè su fatti accertati, si può discutere, interpretarli, smontarli, rimontarli. Ma sempre come opinioni firmate e controfirmate. E chi firma si assume la responsabilità di quello che scrive. Prima sono giunte opinioni dei ricorrenti; e le abbiamo pubblicate perché ben argomentate e nutrite di valide osservazioni. Poi sono giunte le voci dei presidi; e le abbiamo pubblicate perché altrettanto valide e soprattutto atte a dar voce e a un naturale scoramento personale, poiché è comprensibile che a nessuno faccia piacere sostenere un concorso lungo e faticoso e poi andarsene bruscamente a casa.
Niente è stato censurato o non pubblicato. Dal libero gioco delle voci abbiamo cercato, un po’ alla maniera socratica, di far emergere, maieuticamente, la verità o, comunque, qualcosa che le si avvicinasse. Senza favoritismi nei confronti di nessuno.
Posso anche farvi sorridere. Fino a quando hanno scritto i ricorrenti, Aetnanet stava dalla loro parte, o magari, chissà, visto il giornalismo venduto che c’è in giro, veniva pagata(!) da loro; quando sono intervenuti i presidi…Aetnanet stava ora dalla parte dei dirigenti. Mi chiedo: perché bisogna sempre pensare che un giornalista debba fare il megafono di qualcuno? Non può scrivere per amore della verità, per far riflettere, risvegliare le coscienze?
Mi sono resa conto, ed è una triste consapevolezza, che l’informazione libera, alla ricerca della verità, oggi fa tanta impressione; viene considerata “disinformazione” o “informazione di bassa lega”. Quello che dovrebbe essere il buon giornalismo, il cane da guardia del potere, deve per forza trasformarsi in cattivo giornalismo, il cagnolino da compagnia del potere, un bel barboncino con un fiocchetto colorato in testa che dice sì ai potenti.
Noi non ci stiamo. Perché fare giornalismo ci anima, ci fa sentire vivi, ma solo se lo facciamo con la coscienza pulita e la voglia di capire. Dopo, come diceva padre Dante, possiamo solo “lasciar grattar dov’è la rogna”. Se qualcuno ha la coscienza “fusca” è fatto suo, non di chi ne tratta.
Speriamo che questo pasticciaccio brutto abbia una conclusione almeno dignitosa. Delle cose gravi che sono capitate alla redazione di Aetnanet nella persona della sottoscritta, parlerò solo quando questo spiacevole caso sarà definitivamente concluso. Per questione di stile, perché sia una lezione di stile per qualche bassa figura, anzi qualche basso figuro della nostra bella Italia. Ma statene certi: l’informazione nel nostro paese è messa male, male davvero. Buon 2010, all’insegna della libertà di pensiero, di parola e d’opinione. Qui, su Aetnanet, nel nostro piccolo, potete starne sicuri. Malgré tout.

SILVANA LA PORTA

 

(DA AETNANET.ORG)

Regolamento Forum Aetnascuola

Chiunque può leggere i contenuti del forum di discussione mentre solo gli utenti registrati possono rispondere a discussioni già  aperte o iniziarne di nuove. A tal proposito, si tenga presente che prima di registrarsi è bene leggere attentamente il Regolamento
L’iscrizione è gratuita e serve a garantire che i “soliti ignoti” non facciano un uso distorto del forum di discussione.

Aetnascuola Forum : Regolamento

Comportamento
1.1 – Comportamento
Non sono consentite:

• Discussioni riguardanti pornografia, pirateria (niente crack, serials, warez o qualsiasi richiesta tecnica di natura illecita – in particolare quelle su radio, televisione, satelliti e telefonia -), oltre a qualsiasi attività  illecita ai sensi delle vigenti leggi italiane.  
• Da evitare inoltre l’apertura di discussioni aventi per oggetto nudi o immagini sconvenienti e/o scabrose. Nel web non mancano di certo occasioni per approfondire tali argomenti.

1.2 – Discussioni politiche
Non sono consentite:

• Insulti di alcun tipo rivolti a personaggi politici o pubblici. La critica deve essere sempre rispettosa delle idee altrui e sempre nei limiti del commento e non dell’insulto.  
• Apologie di ideologie politiche, religiose, o qualsiasi enfatizzazione di superiorità  di una razza, etnia, nazionalità , regione, ideologia o credo religioso.
• Sono da evitare atteggiamenti sarcastici e denigratori, in modo da rendere il clima delle discussioni il più sereno possibile.
• Propaganda politica: evitare di utilizzare il forum come mezzo per pubblicizzare un partito od un esponente politico. Valido anche per signature e avatar.
• Discussioni politiche in genere

1.3 – Non sono tollerati insulti fra utenti

• La critica di un’idea altrui non deve mai diventare occasione di insulto o ingiuria. A causa dell’impossibilità  di stabilire regole precise, in base al contesto della discussione, i moderatori avranno piena discrezionalità  nella scelta dei giorni di sospensione od eventuale bannaggio, adottato come misura estrema.
• Critiche all’operato dei moderatori ed alle decisioni prese dagli stessi dovranno essere portate avanti in forma privata tramite messaggi privati in caso di sospensione o via e-mail o altre forme extra-forum in caso di bannaggio. Evitare di reiscriversi per protestare.  

1.4 – Segnalazioni

• Comportamenti non compatibili con il suddetto regolamento andranno segnalati ai moderatori della sezione attraverso messaggi privati e/o e-mail. Chiediamo la vostra collaborazione per poter usufruire al meglio dello spazio comune.

1.5 – Avatar, signature e sito personale

• Avatar: le dimensioni massime consentite per l’avatar personale sono di 120×120 pixel per un massimo di 20KB.
• Signature: Sono consentite 4 righe di testo ed un’immagine 100 X 100 X 10KB.  
• Il sito personale non dovrà  essere di carattere pornografico, relativo alla pirateria informatica o comunque irrispettosa del buongusto e del decoro.
• Gli amministratori del forum si riservano il diritto di modificare il profilo personale in caso di inadempienza o noncuranza ai richiami e di prendere gli opportuni provvedimenti.  
• Non è in nessun caso ammesso il link diretto a qualsiasi sistema di bannering/referring; è possibile linkare il proprio sito personale o una pagina di riferimento
• E’ permesso inserire nella signature il link alla propria pagina personale e/o sito.
• E’ vietato inserire nella signature, come nel profilo personale del forum, link o riferimenti ad attività  aventi natura commerciale musicale, link o immagini di natura politica, link a siti, forum o portali in diretta concorrenza con Aetnascuola.it, nonché a siti che per contenuti abbiano contenuto dubbio (warez, crack, siti porno, siti politici “estremisti”, ecc…). No siti con dialer e simili.  

1.6 – Note generali

Ricordiamo inoltre che più di ogni regolamento dovrebbe essere il buonsenso e la buona educazione, in primis, a determinare una condotta che comporti un rapporto con gli altri.
• Evitare di iscriversi con più nick, per rendere il gravoso lavoro di moderazione il più sereno e semplice possibile.
• Il forum non è una chat: evitare di aprire discussioni che ne ricalchino lo stile. Evitare di far degenerare le discussioni con interventi non inerenti all’argomento trattato. Scherzare si può, ma lo scherzo è bello quando dura poco

Si tenga inoltre presente che:

Ognuno si assume la responsabilità  dei propri messaggi all’interno del forum della community di Aetnascuola.it. Qualunque opionine è da considerarsi di assoluta responsabilità  dell’autore. Aetnascuola declina ogni responsabilità  riguardo al contenuto di messaggi postati da chiunque all’infuori dell’amministratore o dello staff dirigenziale.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nei punti può comportare l’immediato bannaggio dal forum o la sospensione dallo stesso, secondo il parere insindacabile dei moderatori-amministratori del forum.
Evitare inoltre di postare con sole faccine o comunque con scritti il cui unico merito sia quello di zavorrare inutilmente il forum. Questo spazio è messo a disposizione degli utenti per impostare discussioni costruttive ed utili per tutti i lettori. Riempire pagine di thread con faccine, per quanto divertente possa essere, ha decisamente poco senso.  

Contestazioni
L’operato dei moderatori è insindacabile e può essere giudicato solo dall’Amministratore del forum.  
E’ comunque permesso chiedere spiegazioni, non utilizzando però lo spazio pubblico del forum. Eventuali contestazioni vanno effettuate via e-mail oppure tramite i messaggi interni (pvt) e comunque in forma privata. Verrà  immediatamente chiuso ogni thread avente come oggetto argomenti di contestazione in chiave polemica. Chi dovesse insistere in simile atteggiamento, verrà  immediatamente allontanato dal forum secondo l’insindacabile giudizio dei moderatori.
Per quale motivo si chiede di esporre le proprie contestazioni in forma privata?
In primo luogo per ordine pubblico: aprire topic dichiaratamente polemici di certo non aiuta a mantenere costruttivo il clima del forum. D’altro canto, nella comunicazione privata tra utente e moderatore-amministratore diviene più semplice poter chiarire le posizioni divergenti e, se possibile, cercare punti d’incontro costruttivi.
Da parte dei moderatori e dell’amministrazione del forum vi è sempre piena disponibilità  al dialogo, in forma privata (via mail o messaggi privati) per cercare di appianare possibili rimostranze. Cercare il dialogo è in ogni caso la strada preferibile per appianare discordie o, quantomeno, per meglio capire il perché di interventi da parte dei moderatori e/o degli amministratori.  

Chiusura Discussioni
Verrà  chiusa ogni discussione dove argomenti o toni non risultino idonei alla linea di condotta del forum. Se nel corso della discussione il topic dovesse degenerare (anche con un solo post) è data ampia facoltà  di intervenire al moderatore anche con la chiusura del thread o, nei casi più gravi, con il bannaggio/sospensione immediato/a del/dei responsabile/i.
Per le violazioni meno gravi, ad insindacabile giudizio del moderatore, si potrà  procedere alla modifica del messaggio incriminato.  
E’ espressamente vietato aprire nuove discussioni dove l’argomento sia la contestazione di chiusura di topic.

Argomenti Critici
Prima di aprire una discussione il cui argomento è ai limiti del regolamento, si consiglia caldamente di interpellare privatamente il moderatore per consultarsi. Gli utenti che partecipano alle discussioni OT considerano questo regolamento letto ed approvato in ogni sua parte. Il regolamento del forum sarà  sempre posto in rilievo nella prima pagina del forum Bacheca.
Il regolamento è suscettibile di modifiche ed integrazioni, che verranno sempre notificate chiaramente sempre all’interno del forum così da darne la giusta visibilità  a tutti gli utenti del forum.
Per esperienza, il buon senso di tutti, utenti e moderatori, ha sempre la meglio: cerchiamo tutti, indistintamente, di usarlo in modo tale che le norme di regolamento possano diventare sempre più parole e sempre meno legge applicata.

Webmaster

E’ OBBLIGATORIO CONVOCARE TUTTI I DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE?

La coordinatrice di classe mi ha interpellata per chiedermi di sottoscrivere la convocazione di un Consiglio di classe straordinario. Di fronte alla mia perplessità (si era tenuto da poco un Consiglio di classe), la docente mi ha spiegato che era necessario coordinare ed allineare meglio le azioni didattiche dei docenti del Consiglio…(DA TRECCANI)

Continua a leggere

CHI SIAMO

CHI SIAMO

 

Aetnascuola nasce con l’intento di offrire un’informazione ad ampio spettro su temi e problemi scolastici della provincia di Catania e della regione Sicilia, senza trascurare il più ampio panorama di riferimento nazionale. Particolare attenzione rivolgeremo all’annosa questione dei precari, alle loro esigenze e ai loro bisogni, perché il mondo dei supplenti è una grande risorsa della scuola, spesso ingiustamente misconosciuta e bistrattata. Parallelamente intendiamo offrire un servizio a tutte le scuole siciliane per la diffusione di iniziative, concorsi, attività che possano testimoniarne la vitalità.

Perché nella scuola siciliana, a dispetto di qualche ombra, c’è tanta vita, tanto impegno. Che Aetnascuola possa, come il mitico Caffè di illuminista memoria, parlare con prontezza e con vivacità dei temi più attuali, dei problemi più vivi della scuola contemporanea e delle sue novità più significative, per il raggiungimento di uno scopo morale e sociale insieme: l’utilità dei lettori e il risveglio delle coscienze.

Forse tutti insieme a poco a poco, con la semplice forza della parola e i vostri contributi, possiamo farcela. Ad maiora.

 

IN REDAZIONE

 

Silvana La Porta : docente di Italiano e Latino in un Liceo scientifico e giornalista. Collabora con La Sicilia, dove tiene una rubrica settimanale dal titolo Ricreazione e scrive per la pagina culturale; è collaboratrice anche del bimestrale Scuolainsieme edito da La tecnica della scuola. Recensisce libri e saggi per il quotidiano La Repubblica, ed. Palermo.

 

Piero La Porta: webmaster e amministratore del sito, esperto in ICT , Piattaforme Linux e Windows e realizzazione siti web

 

Salvina Torrisi: docente di Filosofia, ha al suo attivo numerosi corsi di perfezionamento in Filosofia teoretica e morale.

 

Maria Allo: docente di Italiano e Latino in un Liceo Scientifico e poetessa. Ha collaborato a giornali e riviste online nel settore delle lettere e poesie ed articoli sono stati pubblicati in diverse Antologie e riviste specializzate. Ha pubblicato una silloge poetica “ I sentieri della speranza” ed.Gabrieli Roma. Autrice e moderatrice di un blog di Letteratura e Poesia, sperimenta da cinque anni l’uso del blog nella pratica didattica con tanti dubbi e perplessità.

 

Agnese Indelicato: docente di ed. musicale alle scuole medie, dirige il gruppo strumentale della sua scuola. Ha numerose esperienze nel campo della didattica della musica con le nuove tecnologie.

 

Enzo Nicolosi: docente di Scienze matematiche presso una scuola media di Catania. Ha all’attivo numerosi corsi di perfezionamento in Scienze e Matematica e numerose esperienze nel campo della didattica con le nuove tecnologie.Si occupa da tanti anni di Sindacato scuola ed è responsabile del Gruppo Docenti Precari del suo sindacato, la Gilda degli Insegnanti, di cui è anche Dirigente.

 

Vincenzo Pascuzzi: è stato docente precario per quasi venti anni prima del ruolo. Ha insegnato Matematica, Elettrotecnica, Fisica in vari licei, istituti tecnici e professionali di Roma. Segue le vicende dei precari e della scuola. Interviene con note e articoli su vari siti, blog, ml. Partecipa al gruppo Iuas (Insiemeunaltrascuola) e al gruppo facebook Invalsicomio.

 

“RICREAZIONE” : CONCORSO PRESIDI, E SE..

http://ilcarattere.files.wordpress.com/2009/07/info_estate.jpgE nuovo concorso fu. E’ di qualche giorno fa la notizia che Guido Di Stefano, direttore dell’Usr Sicilia, ha proceduto, in esecuzione della decisione di annullamento del Cga, alla nomina di una nuova commissione per la rinnovazione del fatidico concorso a preside, le cui prove si svolsero nei lontani 25 e 26 gennaio 2006…(da Vivere, inserto de La Sicilia del 14 gennaio 2010)

Continua a leggere