“Bella ciao” in classe suscita la rivolta dei genitori di P.A…(da Latecnicadellascuola)

 

23/04/2014

Una insegnante di Osimo fa imparare in classe il testo di “Bella ciao”, in vista di un evento organizzato dal Comune per il 25 aprile, e scoppia la polemica

Alla scuola primaria “Bruno da Osimo” è successo l’imponderabile per causa di una insegnante, componente della Banda musicale cittadina, che ha fatto cantare dei brani agli alunni fra cui “Bella ciao”.
La prima accusa che è partita è stata quella di eccessiva politicizzazione, come se “Bella ciao” non fosse uno dei canti partigiani più noti e che con la politica, se il valore della Resistenza fosse condiviso in tutta la Nazione, ha pochissimo a che fare.
E infatti l’iniziativa della docente non è andata giù ad alcuni genitori che si sono lamentati, mentre la preside spiega: “Non è stata una scelta della scuola, sono testi proposti dal Comune. Una delle nostre docenti fa parte della Banda cittadina che suonerà il 25 aprile e ha chiesto ad alcuni alunni se vogliono partecipare. A quel punto ha fatto cantare la canzone, ma non c’entra nulla la politica, anche perché non mi pare che l’amministrazione comunale sia di quell’area”.
Ma di quale area, quella di sinistra? E se lo fosse? Ma non sono stati i partigiani a contribuire a liberare la Nazione dal nazifascismo consentendo così a tutte le “aree” di esprimersi?