Quindi, è proprio il contrario: la posizione pregiudiziale che non vuole entrare nel merito è quella dei paladini dell’Invalsi. Tra questi ora si schiera anche lei dichiarando che “le loro hanno una loro fondatezza e sono state elaborate in modo professionale”. Davvero? Io ne ho viste che ritengo infondate e chiaramente elaborate da qualcuno che non conosce la materia.

 

Commenti – 06/05/2013 – Che delusione …. (Giorgio Israel)

 

Egregio professor Mereghetti, duole vedere che anche una persona stimabile come lei cada vittima del piatto conformismo. Lei dice che l’opposizione alle prove Invalsi è pregiudiziale perché non vuole entrare nel merito della questione. Forse è vero per qualcuno, ma moltissime obiezioni proprio di merito, e anche del tutto specifiche, sono state fatte e non è venuta alcuna risposta percepibile salvo anatemi contro chi si oppone e riaffermazioni di principio che non vi è nulla da obiettare. Quindi, è proprio il contrario: la posizione pregiudiziale che non vuole entrare nel merito è quella dei paladini dell’Invalsi. Tra questi ora si schiera anche lei dichiarando che “le loro hanno una loro fondatezza e sono state elaborate in modo professionale”. Davvero? Io ne ho viste che ritengo infondate e chiaramente elaborate da qualcuno che non conosce la materia. Ma lei sentenzia che tutto va bene ed è professionale con stile da Ipse Dixit. Lei è l’esempio vivente di dove ci sta portando questa mentalità da stato totalitario. Non mi risponda, tanto per lei è tutto chiaro e le uniche critiche da prendere in considerazione sono le sue, ovvero quelle di chi prende le distanze dagli “scomunicati”. Preferisco restare in questa schiera.

http://www.ilsussidiario.net/News/Educazione/2013/5/6/SCUOLA-1-Un-prof-le-mie-tre-domande-non-preconcette-sulle-prove-Invalsi/389938/