altUn risarcimento di 250 euro a studente. E’ questa la cifra che il Miur dovrebbe risarcire alle famiglie degli alunni costretti a far lezione in aule troppo affollate. ”E’ fissato a 25 il numero massimo di studenti per aula, che, in moltissime realta’ regionali viene di gran lunga superato arrivando, addirittura, a toccare quota 40”.

 

 

 

 

Cronaca | 24/08/2010 | ore 20.38 »

Scuola: Codacons pronto a class action contro ‘classi pollaio’ in Sicilia

Palermo, 24 ago. – (Adnkronos) – Un risarcimento medio di 250 euro a studente. E’ questa, secondo le stime del Codacons la cifra che il ministero dell’Istruzione dovrebbe risarcire alle famiglie di quegli alunni costretti a far lezione in aule troppo affollate. ”E’ fissato a 25 il numero massimo di studenti per aula, che, in moltissime realta’ regionali – denuncia l’associazione – viene di gran lunga superato arrivando, addirittura, a toccare quota 40”.

I genitori di questi alunni possono quindi aderire alla class action avviata dal Codacons, che esprime solidarieta’ al gruppo di docenti e collaboratori scolastici in sit-in da oltre una settimana davanti la sede dell’ufficio scolastico regionale di Palermo, e a tutti i lavoratori precari della scuola. ”Come gia’ fanno tre di questi manifestanti – annuncia Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons – anch’io sono pronto a dare il via a uno sciopero della fame”.

”Duecentocinquanta euro a studente – afferma Tanasi – e’ una sorta di risarcimento delle tasse scolastiche pagate in proporzione al minore spazio a disposizione di ciascun alunno e al danno connesso al rischio per la sicurezza e la diminuzione del servizio di istruzione, reso ridicolo da ‘classi pollaio’ composte da 35-40 alunni a causa dei tagli agli organici del personale docente”.