Con nota prot. n. 565 di ieri (24 gennaio 2014) la Direzione Generale per il Personale scolastico del Miur ha invitato i Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali, ad esclusione della regione Valle d’Aosta, e delle province autonome di Trento e Bolzano, ad indire i concorsi per soli titoli per i profili professionali del personale ATA dell’area A e B, ai sensi dell’art. 554 del D. Lvo 297/94 e dell’ O.M. 23.02.2009, n. 21…da ceripnews


Nella predisposizione dei relativi bandi, scrive il Miur, si dovrà tenere conto di alcuni cambiamenti di fatto intervenuti, apportando le opportune integrazioni e modifiche.
1 – Tutti i riferimenti all’anno scolastico 2012/2013 devono essere modificati con riferimento all’anno scolastico 2013/2014 .
2 – Nelle premesse sarà necessario:
a) inserire la dizione “VISTA la nota. 695 del 29.01.2013, concernente l’indizione dei concorsi per soli titoli per l’anno scolastico 2012/2013;
b) depennare la dizione “D.M. 26.06.2008, n. 59, e inserire la dizione “VISTO il D.M. 10.11.2011, n. 104     concernente la formulazione delle graduatorie di circolo e d’istituto di 3 fascia per il triennio scolastico 2011/2014”
3 – ricordare che, analogamente allo scorso anno, è prevista la compilazione di un apposito Allegato H per il personale che intende usufruire dei benefici dell’art. 21 e dell’art. 33, commi 5, 6 e 7 della legge 104/1992 con le modifiche apportate dall’art. 24 della legge 4.11.2010 n. 183.
Tale modulo (All. H) è integrativo e non sostitutivo della dichiarazione a tal fine resa dal candidato nei moduli domanda B1 e B2.
Il Miur invita anche i Direttori degli USR ad evidenziare nelle Avvertenze al bando che le dichiarazioni concernenti i titoli di riserva, i titoli di preferenza limitatamente alle lettere M, N, O, R e S       nonché le dichiarazioni concernenti l’attribuzione della priorità nella scelta della sede di cui agli artt. 21 e 33, commi 5, 6 e 7 della legge 104/1992 devono essere necessariamente riformulate dai candidati che presentino domanda di aggiornamento della graduatoria permanente, in quanto trattasi di situazioni soggette a scadenza che, se non riconfermate, si intendono non più possedute.
4 – Gli schemi di domanda sono conseguentemente modificati come da allegati (Allegati : B1, B2, F, e H) che saranno inviati con successiva nota.
5 – Il Miur richiama l’attenzione degli Uffici che, esclusivamente per la scelta delle istituzioni scolastiche in cui si richiede l’inclusione nelle graduatorie di circolo e di istituto di 1° fascia per l’a.s. 2014/2015 (Allegato G), sarà adottata la medesima modalità telematica già utilizzata per la scelta delle sedi relative alle graduatorie di circolo e d’istituto dell’anno scolastico precedente. Tale applicazione web, i cui effetti positivi a favore dello snellimento, della celerità e della certezza delle procedure risultano ben evidenti, implica, al contempo, che i termini della trasmissione on-line del modello G saranno contestuali in tutto il territorio nazionale.
Di conseguenza dovranno essere inviati :
a) con modalità tradizionale i modelli di domanda allegati B1, B2, F e H mediante raccomandata a/r ovvero consegnati a mano, all’Ambito Territoriale Provinciale della provincia d’interesse entro i termini previsti dal relativo bando;
b) tramite le istanze on-line il modello di domanda allegato G di scelta delle sedi delle istituzioni scolastiche. Per quest’ultimo non dovrà essere inviato il modello cartaceo in formato pdf prodotto dall’applicazione in quanto l’Ufficio territoriale destinatario lo riceverà automaticamente al momento dell’inoltro.
Al fine di favorire la procedura on-line il Miur raccomanda ai competenti Uffici di invitare tutti gli aspiranti interessati alle graduatorie d’istituto a procedere alla registrazione ove non fossero già registrati. Tale registrazione è infatti un prerequisito essenziale per poter trasmettere l’allegato G via web. Modalità, tempi e aspetti specifici della procedura on-line suddetta saranno comunicati con successiva nota.
Il Miur ricorda infine, con riferimento alla predisposizione dei relativi bandi, che le controversie e i ricorsi avverso le graduatorie sono devoluti al giudice ordinario in funzione di giudice del lavoro.