I candidati siciliani idonei della rinnovazione del concorso a dirigente scolastico ai sensi della Legge 202/2010 con un lungo comunicato stampa rivendicano il diritto alla nomina con precedenza rispetto agli idonei 2011 ed attaccano le decisioni adottate dall’USR Sicilia sull’ordine delle stesse…(da ceripnews)

Di seguito il comunicato:

 

COMUNICATO STAMPA DEI VINCITORI DEL CONCORSO DEL 2004
PER DIRIGENTI SCOLASTICI IN SICILIA

DOPO LUNGHI SETTE ANNI, IL 31 LUGLIO 2013 SI E’ CONCLUSO L’ITER DEL CONCORSO PER DIRIGENTI SCOLASTICI PER LA SICILIA BANDITO NEL 2004, ESPLETATO NEL 2006, ANNULLATO NEL 2009, RINNOVATO NEL 2010 AI SENSI DELLA LEGGE 202.

GLI SCRIVENTI, DOPO LA RICORREZIONE DEGLI SCRITTI, LA FREQUENZA DEL CORSO DI FORMAZIONE OBBLIGATORIO INIZIATO IL 15 GENNAIO 2013 E TERMINATO IL 16 LUGLIO, DOPO IL COLLOQUIO SELETTIVO, SONO FINALMENTE IDONEI.

SI E’ COSI’ ESAURITA REGOLARMENTE LA PROCEDURA PREVISTA DALLA LEGGE 202 PER I 37 CANDIDATI CHE HANNO SUPERATO POSITIVAMENTE TUTTE LE FASI DELLA RINNOVAZIONE DEL CONCORSO. GLI SCRIVENTI ATTENDONO ORA, DAL 1° SETTEMBRE 2013, L’INCARICO PER UN POSTO DI DIRIGENTE SCOLASTICO.

A TALE LEGITTIMA ASPETTATIVA SEMBRA OPPORSI OGGI L’UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE (USR SICILIA), CHE NON PUBBLICA LA GRADUATORIA DEFINITIVA , MANIFESTANDO LA VOLONTA ’ DI ASSEGNARE I POSTI DISPONIBILI E VACANTI IN SICILIA AGLI IDONEI DEL CONCORSO PER DIRIGENTI SCOLASTICI, BANDITO SUCCESSIVAMENTE ALLA RINNOVAZIONE DEL CONCORSO DEL 2004 ED ESATTAMENTE NEL LUGLIO 2011.

TALE INCREDIBILE ATTO CALPESTA I DIRITTI DEI CANDIDATI DEL 2004 CHE, COME ESPLICITATO DAL BANDO MEDESIMO (LEX SPECIALIS), BANDO DEL CONCORSO A DIRIGENTI SCOLASTICI DEL 2011, ASSEGNA I POSTI PRIMA AI VINCITORI DEL 2004 E SUCCESSIVAMENTE AI VINCITORI DEL 2011.

CIO’ IN APPLICAZIONE ANCHE DELL’ ART. 29 DELLA LEGGE 165 DEL 2001. IN ALTRE PAROLE IL CONCORSO IN SICILIA NON SI SAREBBE POTUTO NEMMENO BANDIRE SENZA L’ESPRESSA CLAUSOLA RELATIVA ALL’ASSEGNAZIONE DEI POSTI PRIMA AL 2004 E POI AL 2011.

CON BIZANTINISMI E VOLI GIURISPRUDENZIALI DEGNI DI AFFINATISSIMI AZZECCAGARBUGLI SI TENTA DI PRIVARE GLI IDONEI DEL CONCORSO DEL 2004 DI UN DIRITTO FINALMENTE RAGGIUNTO DOPO UN LUNGO E SOFFERTO PERCORSO.

TUTTI GLI ARGOMENTI DELL’AMMINISTRAZIONE SONO STATI SMENTITI. I POSTI PREVISTI NEGLI ANNI SCOLASTICI 2010-11 E 2011-12 PER IL 2004 ERANO BEN 89 E NON SONO CERTAMENTI SVANITI NEL NULLA; LA PRESENZA DI SOLI QUATTRO CANDIDATI, CHE A SEGUITO DI UN RICORSO ATTENDONO DI INIZIARE UN ALTRO CORSO DI FORMAZIONE NEL SETTEMBRE-OTTOBRE 2013, NON INFICIA IL DIRITTO DEI CANDIDATI-VINCITORI, REGOLARMENTE AMMESSI AL COLLOQUIO SELETTIVO FINALE, ALL’INSERIMENTO NELLA GRADUATORIA DI MERITO.

PER LE RAGIONI SOPRA ESPRESSE, GLI SCRIVENTI CHIEDONO ALL’UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA L ’IMMEDIATA PUBBLICAZIONE DELLA GRADUATORIA DEL LORO CONCORSO E IL SUCCESSIVO INCARICO A PARTIRE DAL 1° SETTEMBRE 2013.

 03/05/2013                                                                                                    
F.TO: GLI IDONEI DELLA RINNOVAZIONE DEL CONCORSO A DIRIGENTE SCOLASTICO AI SENSI DELLA LEGGE 202/2010
AVELLINA BIAGIA – BILELLO FRANCESCA – BUBELLO GIOVANNA – CALVAGNO PROVVIDENZA – CAMPO GIUSEPPA – CANTARELLA VINCENZO CAPPUCCIO LAURA – CARTELLA ROSA  – CASALICCHIO ELISA MARIA ENZA – CIRMENA MARIA TERESA  – COSTANZA LUIGI – CROCE MATTEO – CROCE MARIA ANGELA – CUCCINIELLO MARIA ANTONIETTA – DI BELLA SILVANA – DI LIBERTO VINCENZA AURORA – FERRANTELLI SANTA FERRANTELLI VITO – GAMBARO TOMMASO – GENNUSO GIORGINA – GIARDINA MARGHERITA – GRECO ROSETTA – IUDICA CONCETTA – LA PORTA CARMELO – LENTINI SILVANA ROSA – LO NIGRO FRANCESCA – MALTESE ROSARIA – MANCUSO PASQUALE – MARCELLINO IRENE –  MENDOLA VALERIA –  NAVANTERI FABIO – NOBILE FIDANZA VITO LUCIO – PRICOCO LUCIO – RASPANTI GIOVANNA – SCALIA ROSALIA – SPADA RITA FLORIDIA – TODARO ANNALIA


Fin qui il comunicato degli idonei. Per dovere d’informazione va precisato che già il 1° agosto scorso il Dirigente Generale (Maria Luisa Altomonte) e il Dirigente (Marco Anello) dell’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia con un breve comunicato pubblicato nel sito ufficiale avevano precisato, in merito, che “graduatoria finale relativa alla procedura in oggetto verrà stilata al termine del nuovo corso, che avrà inizio presumibilmente dal mese di settembre p.v., come previsto dalla nota USR Sicilia prot. 10298 del 16/05/2013 e sarà rivolto ai candidati idonei a seguito della ricorrezione delle prove scritte, che non hanno frequentato il corso conclusosi nel mese di luglio”.
Né potrebbe essere diversamente, allo stato dei fatti, trattandosi di un’unica procedura concorsuale che si è articolata su tempi diversi, certamente non solo per colpa dell’USR Sicilia, dato che la prima responsabilità è del MIUR, nella persona del dott. Luciano Chiappetta, che nel tempo ha assunto atteggiamenti e decisioni diversi relativamente ai candidati che non avevano superato la prova orale, ma erano stati ritenuti idonei nel corso della prima ricorrezione.
Se il MIUR non fosse tornato più volte sulle sue decisioni – continuiamo a chiederci perché e chi ha fatto cambiare idea al dott. Chiappetta – o avesse deciso diversamente in tempi più ragionevoli, la ricorrezione sarebbe stata estesa, in prima battuta, a tutti i candidati, tutti avrebbero potuto frequentare il corso di formazione e tutti avrebbero sostenuto il colloquio selettivo finale.
Certamente non è esente da decisioni ritardate anche l’USR Sicilia, che invece di perdere tempo “en attendant Godot”, avrebbe potuto e dovuto compiere scelte autorevoli ed autonome ed assumere decisioni proprie, come ha fatto alla fine.
Ben altra storia è quella della disponibilità dei posti destinati al concorso 2004 che sarebbero scomparsi dalla scena regionale a seguito del pregresso dimensionamento della rete scolastica. Ma questa è un’altra storia e, forse, un altro papocchio con possibili risvolti giudiziari.
(n.b.)