Concorso ds: l’ultimo stadio del ricorso di Aldo Domenico Ficara…(da Latecnicadellascuola)

10/08/2012
Le ultime indiscrezioni parlano di un ultimo mal di pancia, tutto interno al gruppo dei vincitori, gruppo che si sta dividendo tra: vincitori in regioni che assumono e vincitori in regioni che non assumono.
A oggi sono state pubblicate 15 graduatorie di merito finali, su 18 complessive, solo tre regioni (Campania, Sicilia e Abruzzo) sono rimaste indietro nella procedura concorsuale. In Lombardia l’ostacolo “buste trasparenti” verrà definitivamente sentenziato il prossimo 28 agosto, mentre nel Lazio la questione della possibile nomina irregolare di un componente di una sottocommissione sembra essere risolta a livello di giustizia amministrativa da una comunicazione ufficiale del sindacato interessato nel contendere. 
Ci sono, quindi, tutti gli ingredienti per definire le assunzioni dei vincitori del concorso prima dell’1 settembre 2012. Le ultime indiscrezioni parlano, però, di un ultimo mal di pancia, tutto interno al gruppo dei vincitori, gruppo che si sta dividendo tra vincitori in regioni che assumono e vincitori in regioni che non assumono per motivi di esuberi.
E’ prossima l’autorizzazione, da parte del MEF, all’assunzione di 1.201 neodirigenti alla data dell’1 settembre, ma probabilmente non sarà programmata nessuna nomina per le regioni Campania, Molise, Calabria e Sicilia a seguito della presenza di esuberi, mentre in Lombardia, Emilia e Piemonte verranno nominati tutti, o quasi tutti, i vincitori di concorso. A questo punto potrebbe scattare (fonte: alcuni docenti che hanno intenzione di inoltrare tale ricorso) l’ultimo stadio del ricorso, un ricorso per l’incostituzionalità delle assunzioni al Nord.
Infatti, in assenza di autorizzazioni del MEF per le assunzioni nelle sedi delle 4 regioni del Sud sopra menzionate, i docenti meridionali risultati idonei vincitori in queste regioni che non assumeranno, avendo lo stesso diritto all’assunzione dei vincitori delle tre regioni del Nord (Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna) a prescindere dalla regione in cui si è partecipato, intraprenderanno quest’ennesima battaglia giudiziaria, forse l’ultima di una lunga e estenuante serie.