La segreteria regionale del Partito di rifondazione Comunista ci invia la nota che pubblichiamo qui di seguito…
Comunicato Stampa

Ancora non ha trovato chiare e certe soluzioni l’ormai  annosa questione del
concorso dei Dirigenti scolastici in Sicilia, annullato da ben tre sentenze
definitive del Cga. Questa vicenda ha rappresentato un duro colpo alla scuola
siciliana, già provata dai devastanti effetti dei provvedimenti del ministro
Gelmini e dall’assenza di progettualità di un ceto politico-amministrativo
regionale,dedito solo alla cura delle posizioni di privilegio e delle
clientele. La confusione e la crisi di legittimità, derivate dalla vicenda del
concorso e  accentuate da strumentali manovre politico-parlamentari, sono una
pagina nera che va chiusa al più presto. Il PRC sostiene la necessità che le
sentenze della magistratura vengano applicate, e denuncerà ogni colpo di spugna
, comunque mascherato, che renda inefficaci le sentenze della magistratura
amministrativa.Il concorso deve essere ripetuto, per dare alla scuola siciliana
la certezza di dirigenti scolastici divenuti tali a seguito di un concorso
valido, corretto e trasparente.

La segreteria regionale del PRC siciliano