L’Asasi sintetizza i punti del DEF in materia di istruzione…

Edilizia scolastica: 2 miliardi per rendere le scuole più sicure e per costruirne di nuove.

Creazione o rinnovamento di laboratori scientifico-tecnologici che utilizzano materiali innovativi, vincolando a tale scopo parte del Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa.

Connettività wi-fi all’interno degli istituti scolastici. Personale scolastico: assunzioni complessive nel triennio 2014-2016 di 69.000 docenti e 16.000 ATA.

Garanzia per i giovani: Attuazione dell’iniziativa europea Youth Guarantee per i giovani fra i 15 e i 29 anni finalizzata a contrastare il fenomeno dei NEET.

Valutazione: piena attuazione, a partire da settembre 2014, del Regolamento per l’applicazione del Sistema Nazionale di Valutazione delle istituzioni scolastiche.

Scuola per l’infanzia: superamento delle disparità tra le diverse aree del Paese e maggiore sinergia tra pubblico, privato ed enti locali, anche incentivando le convenzioni.

Lingua inglese: dalla scuola primaria fino all’università attraverso il CLIL.

Erasmus: potenziamento del programma e sua inclusione a pieno titolo nel curriculum di studi.

Programma di didattica integrativa’, per il rafforzamento delle competenze di base, in particolare nella scuola primaria, con prolungamento dell’orario per gruppi di alunni (€ 3,6 milioni per il 2013, € 11,4 milioni per il 2014).

Geografia generale ed economica, un’ora in più nel biennio degli istituti tecnici e professionali a partire dall’a.s. 2014-2015 (€ 13,2 milioni).

Progetti didattici nei musei e nei siti di interesse storico, culturale e archeologico.

Accesso gratuito dei docenti di ruolo a musei e ai siti di interesse storico, culturale e archeologico (€ 10 milioni per il 2014).

Alternativa scuola-lavoro (speriamo si voglia dire alternanza scuola-lavoro ndr): piani per tirocini extracurricolari degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

Semplificazione contratto di apprendistato professionalizzante: tolto alle aziende l’obbligo del piano formativo individuale e della formazione trasversale.

Riorganizzati i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS).

Rafforzamento dell’istruzione tecnica e valorizzazione degli ITS, scuole ad alta specializzazione tecnologica nate per rispondere alla domanda delle imprese di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche. Borse di tirocinio formativo per i NEET residenti nel Mezzogiorno (€ 16 milioni per il 2014, € 96 milioni per il 2015).

Potenziamento dell’orientamento degli studenti iscritti alla scuola secondaria di secondo grado a partire dalla 4^ classe (€ 5 milioni per il 2014). Borse di studio per spese di trasporto e ristorazione a favore degli studenti capaci e meritevoli ma privi di mezzi;

Formazione del personale scolastico (€ 10 milioni per il 2014).

Interventi per la riduzione della spesa per l’acquisto di libri scolastici e fondi per la diffusione di e-book (€ 5,3 milioni per il 2014).

La redazione, asasisicilia@alice.it