Nel corso dell’incontro di ieri tra OO.SS. Scuola e Miur è stato fornito ai partecipanti il testo dell’ultima versione dello Schema di Intesa contenente alcune modifiche rispetto a quello elaborato nell’autunno scorso…


I punti essenziali sono:
–   il contingente dei Ds da assegnare a ciascuna Regione è definito dividendo per 900 il numero degli alunni iscritti alle scuole statali; tale  criterio è integrato dalla densità  degli abitanti per Kmq; detto contingente regionale corrisponde al numero delle istituzioni scolastiche autonome, comprese quelle educative, le scuole speciali e i poli tecnico-professionali di cui all’art. 52 della legge 35/2012; a tale contingente, la cui somma a livello nazionale è pari a 8.787 unità, vanno aggiunti 55 posti di organico corrispondenti ad altrettanti Centri Provinciali di Istruzione per gli Adulti (CPIA);
–   nell’ambito del contingente assegnato, le Regioni definiscono autonomamente il numero degli alunni per ogni istituzione scolastica;
–   i criteri di assegnazione dei Dsga saranno valutati in relazione alla nuova Intesa;
–   il Governo si propone di abrogazione la norma che vieta l’assegnazione del Ds alle scuole sottodimensionate, fermo il rispetto degli obiettivi di finanza pubblica, nonché i parametri dimensionali previsti dal DPR 233/98.