Dimensionamento scolastico in Sicilia: da Furci Siculo (Me) proposte alternative di Aldo Domenico Ficara…(da Latecnicadellascuola)

 

07/03/2013

Il botta e risposta mediatico tra le autorità locali di Furci Siculo e l’assessorato provinciale alla Pubblica istruzione della Provincia di Messina sul dimensionamento scolastico per l’anno scolastico 2013/2014 fa nascere discussioni e ragionamenti su probabili future ipotesi di aggregazione fra istituti scolastici residenti nell’area ionica del messinese.

La provincia di Messina, sulla base della Legge Regionale n. 6/2000, attraverso la quale si prevedeva l’autonomia per le scuole con non meno di 500 alunni, ha sempre chiesto ed ottenuto negli anni scolastici passati il mantenimento della titolarità dirigenziale dell’I.I.S. di Furci Siculo (502 alunni, oggi 467), dell’I.T.C. “Pugliatti” di Taormina (551 studenti), del Liceo classico “Trimarchi” (525 alunni) e del Liceo scientifico “Caminiti” (653) entrambi di S. Teresa di Riva.
Per l’anno 2013/2014, atteso che le indicazioni ministeriali, fatte proprie dall’assessorato regionale alla Pubblica istruzione e Formazione, innalzano il parametro minimo di iscritti per singola scuola a 600 alunni, la Provincia regionale messinese mirava al mantenimento di ben 3 dirigenze nell’area jonica in quanto per il tramite della nota n. 193 del 30 gennaio 2013 si è proposto alla Regione l’accorpamento dei Licei classico e scientifico di S. Teresa di Riva, anch’essi insistenti in un unico immobile, con la conseguente nascita di un polo umanistico forte di 983 alunni ed, ancora, il potenziamento dell’I.T.C. “Pugliatti” (551) altrimenti sottodimensionato, con l’attribuzione del vicino Istituto professionale per i servizi commerciali di Letojanni che con i suoi 195 alunni avrebbe portato il “Pugliatti” a quota 746 studenti, e infine la razionalizzazione in verticale tra I.I.S. di Furci Siculo e I.C. Furci Siculo. Il risultato finale di tali intenti, però, portava nel mese di febbraio 2013 alla aggregazione tra l’I.T.C. “Pugliatti” e l’I.I.S. di Furci Siculo.
Oggi tra le varie ipotesi potrebbe partire da Furci Siculo una proposta alternativa, utile all’esclusivo interesse del contesto sociale che ospita le diverse istituzioni scolastiche interessate alle dinamiche di questo dimensionamento scolastico regionale. In altre parole potrebbe essere proposta l’aggregazione tra Liceo classico “Trimarchi”, Liceo scientifico “Caminiti” (ad esclusione della sede staccata di Giardini Naxos) e I.I.S. di Furci Siculo (1290 studenti) contestualmente all’aggregazione tra I.T.C. “Pugliatti”, Istituto professionale per i servizi commerciali di Letojanni e sede staccata di Giardini Naxos del Liceo scientifico “Caminiti” (896 studenti).
Proposta che si spera possa essere considerata di buon senso, perché garantirebbe una offerta formativa a 360 gradi sia per il territorio di Santa Teresa di Riva sia per quello di Taormina, evitando future richieste di corsi e specializzazioni non comprese nell’attuale aggregazione fra istituti. L’auspicio è quello di limare ogni incomprensione istituzionale per il bene culturale dei cittadini e dei territori interessati.