Lui è disabile, i compagni di classe gli costruiscono una bicicletta speciale

Una bici tutta nuova per il compagno di classe disabile. È accaduto a Portogruaro, dove gli studenti dell’Istituto D’Alessi si sono impegnati nella costruzione di un prototipo di bici da regalare al compagno disabile. “Il progetto è nato già da gennaio durante le ore di laboratorio” – spiegano al Gazzettino i ragazzi dell’EQ-sezione meccanica dell’IPSIA di Portoguaro. Anche i nostri professori ci hanno assistito. Volevamo creare una bicicletta ad hoc per il nostro compagno con difficoltà motorie, così ci siamo messi immediatamente al lavoro”.La classe è stata suddivisa in tre gruppi, con il compito di progettare vari prototipi di bicicletta. Alla fine è stato scelto il progetto più idoneo: un modello composto da 3 ruote posteriori e una anteriore, stabile e allo stesso tempo facile da guidare. “Il piano è andato a buon fine – raccontano i ragazzi. Fondamentale è stato anche l’aiuto del nostro professore e dell’assistente di laboratorio”.

I ragazzi, poi, non si sono fermati. Dalle ore di laboratorio è nata anche una seconda bicicletta, chiamata “Prototipo 2EQ- La bici divertente”, con tre ruote anteriori e due posteriori. “E’ ancora un prototipo, spiegano gli studenti. L’abbiamo collaudata noi stessi: permette di girare anche in spazi molto ristretti dove una normale bici non riuscirebbe a farlo. Inoltre, nelle curve più difficili, si possono utilizzare due ruote per avere più stabilità. “Per noi è stata un’esperienza nuova – concludono gli studenti. Abbiamo creato qualcosa di utile e innovativo”.

– See more at: http://www.corriereuniv.it/cms/2014/06/disabile-i-compagni-classe-gli-costruiscono-bicicletta-speciale/#sthash.21aTxGFK.dpuf

Una bici tutta nuova per il compagno di classe disabile. È accaduto a Portogruaro, dove gli studenti dell’Istituto D’Alessi si sono impegnati nella costruzione di un prototipo di bici da regalare al compagno disabile. “Il progetto è nato già da gennaio durante le ore di laboratorio” – spiegano al Gazzettino i ragazzi dell’EQ-sezione meccanica dell’IPSIA di Portoguaro. Anche i nostri professori ci hanno assistito. Volevamo creare una bicicletta ad hoc per il nostro compagno con difficoltà motorie, così ci siamo messi immediatamente al lavoro”.

La classe è stata suddivisa in tre gruppi, con il compito di progettare vari prototipi di bicicletta. Alla fine è stato scelto il progetto più idoneo: un modello composto da 3 ruote posteriori e una anteriore, stabile e allo stesso tempo facile da guidare. “Il piano è andato a buon fine – raccontano i ragazzi. Fondamentale è stato anche l’aiuto del nostro professore e dell’assistente di laboratorio”.

I ragazzi, poi, non si sono fermati. Dalle ore di laboratorio è nata anche una seconda bicicletta, chiamata “Prototipo 2EQ- La bici divertente”, con tre ruote anteriori e due posteriori. “E’ ancora un prototipo, spiegano gli studenti. L’abbiamo collaudata noi stessi: permette di girare anche in spazi molto ristretti dove una normale bici non riuscirebbe a farlo. Inoltre, nelle curve più difficili, si possono utilizzare due ruote per avere più stabilità. “Per noi è stata un’esperienza nuova – concludono gli studenti. Abbiamo creato qualcosa di utile e innovativo”.

– See more at: http://www.corriereuniv.it/cms/2014/06/disabile-i-compagni-classe-gli-costruiscono-bicicletta-speciale/#sthash.Qkrcm93Q.dpuf

Una bici tutta nuova per il compagno di classe disabile. È accaduto a Portogruaro, dove gli studenti dell’Istituto D’Alessi si sono impegnati nella costruzione di un prototipo di bici da regalare al compagno disabile. “Il progetto è nato già da gennaio durante le ore di laboratorio” – spiegano al Gazzettino i ragazzi dell’EQ-sezione meccanica dell’IPSIA di Portoguaro. Anche i nostri professori ci hanno assistito. Volevamo creare una bicicletta ad hoc per il nostro compagno con difficoltà motorie, così ci siamo messi immediatamente al lavoro”.

La classe è stata suddivisa in tre gruppi, con il compito di progettare vari prototipi di bicicletta. Alla fine è stato scelto il progetto più idoneo: un modello composto da 3 ruote posteriori e una anteriore, stabile e allo stesso tempo facile da guidare. “Il piano è andato a buon fine – raccontano i ragazzi. Fondamentale è stato anche l’aiuto del nostro professore e dell’assistente di laboratorio”.

I ragazzi, poi, non si sono fermati. Dalle ore di laboratorio è nata anche una seconda bicicletta, chiamata “Prototipo 2EQ- La bici divertente”, con tre ruote anteriori e due posteriori. “E’ ancora un prototipo, spiegano gli studenti. L’abbiamo collaudata noi stessi: permette di girare anche in spazi molto ristretti dove una normale bici non riuscirebbe a farlo. Inoltre, nelle curve più difficili, si possono utilizzare due ruote per avere più stabilità. “Per noi è stata un’esperienza nuova – concludono gli studenti. Abbiamo creato qualcosa di utile e innovativo”.

– See more at: http://www.corriereuniv.it/cms/2014/06/disabile-i-compagni-classe-gli-costruiscono-bicicletta-speciale/#sthash.Qkrcm93Q.dpuf

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.