http://www.windowsblog.it/wp-content/uploads/windows-7-lo-installeremo-sul-mac-appena-apple-aggiorna-boot-camp.jpgDopo una alcuni rinvii sulla disponibilità annunciata, è pronta la versione 3.1 dell’applicazione che consente di installare Windows sui Mac con processore Intel. Integrato anche il supporto della tastiera wireless Apple e del Magic Mouse.(da applicando.com)

 

 

Sarebbe dovuto arrivare entro la fine del 2009 invece l’aggiornamento destinato agli utenti di Boot Camp ha iniziato solo in questi giorni a fare mostra di sé. Boot Camp, lo strumento che permette di eseguire sistemi Windows sui computer Mac dotati di processore Intel, estende così il supporto alle varie edizioni di Windows 7 aggiornandosi alla versione 3.1.

Ricordiamo che Boot Camp è composto da un modulo che si occupa di ripartizionare il disco fisso, in modo da fare spazio per l’installazione di Windows, e di un’immagine contenente i file necessari per il corretto caricamento del sistema operativo di Microsoft. Dopo l’installazione di Boot Camp, un’apposita schermata permette di scegliere il sistema da avviare all’accensione del computer.

Windows 7 non potrà essere eseguito, invece, sugli iMac 17″ e 20″, sui Macbook Pro 15″ e 17″ così come sui Mac Pro da 2,66 e 3 GHz ovvero su tutti i modelli Apple che fanno capo alla prima generazione di Mac basati su CPU Intel. Gli utenti di tali sistemi potranno installare il più recente dei sistemi operativi Microsoft solamente ricorrendo all’utilizzo di una macchina virtuale creata con Parallels 5.0 o con VMware Fusion 3.0.

La nuova edizione 3.1 di Boot Camp, che introduce anche il supporto della tastiera wireless Apple e del Magic Mouse, può essere prelevata manualmente (occupa 271,6 MB) facendo riferimento al sito web di Apple oppure installata mediante la procedura di aggiornamento automatico. (da applicando.com)