Formazione in ingresso e CLIL Resoconto dell´informativa al Miur…(da Gilda)



Formazione in ingresso e CLIL giovedì 14 aprile 2011

Nella giornata di ieri, mercoledì 13 aprile, in un breve incontro al MIUR ci è stata data l´ informativa relativa a:
1) formazione in ingresso per il personale docente ed educativo per l´ a.s. 2010/11;
2) piano di formazione CLIL.

In merito al primo punto i corsi di formazione per i neoassunti potranno finalmente iniziare, essendo state reperite le risorse necessarie. L´Amministrazione ha consegnato alle OO.SS. la nota n. 2707 del 29/3/2011, avente per oggetto: “formazione in ingresso per il personale docente ed educativo a.s. 2010/2011”. Tale circolare ripropone, sostanzialmente, il modello relativo alla formazione in ingresso di cui alla nota 2364 del 2 marzo 2010.

Per quanto riguarda i corsi CLIL, questi saranno di lunga durata ed un´ esperienza complessa perchè si tratta di insegnare discipline in lingua straniera. A breve scadenza sarà organizzato dal Miur un convegno con i referenti di lingua straniera di tutte le regioni ed i rispettivi rappresentanti esteri.

Per essere ammessi ai corsi di formazione sarà necessaria la certificazione delle competenze linguistiche in possesso degli insegnanti interessati, cioè il possesso delle 4 abilità (saper leggere, scrivere, comprendere e parlare) cui il Miur ha aggiunto: saper interloquire. Gli enti certificatori saranno quelli riconosciuti a livello europeo.

I corsi di formazione saranno di 2 tipi: a) formazione linguistica; b) formazione metodologica. Saranno collegati alle università e l´ 80% delle ore saranno utilizzate in presenza, mentre il 20% sarà on line.
Gli appositi comitati scientifici attiveranno a breve scadenza i bandi di gara. Saranno escluse dai corsi di formazione le lingue straniere, il latino ed il greco.

L´Amministrazione ha consegnato un quadro nazionale, contenente il numero complessivo dei docenti (circa 13.000), sia a tempo indeterminato che a tempo determinato, che hanno chiesto di poter partecipare ai corsi CLIL: 8.800 a tempo indeterminato ed oltre 4.000 a tempo determinato.

Per quest´ anno partiranno solo le V classi dei licei linguistici e tecnici.

Il vero problema dei corsi CLIL sono le risorse: pochissime ed in ritardo, per cui il Miur garantirà il percorso formativo a 1.500 partecipanti, a fronte dei 13.000 richiedenti. In seguito si dovranno individuare i criteri per escludere la stragrande maggioranza dei richiedenti.

La delegazione Gilda ha fortemente contestato l´ esiguità delle risorse destinate alla suddetta formazione ed ha evidenziato anche il ripetersi di quanto già avvenuto per la formazione dei docenti da specializzare in inglese nella scuola primaria.

Ha ribadito, inoltre, che si vogliono fare sempre le riforme della scuola a costo zero, senza considerare che i risparmi realizzati con i tagli ai programmi dei vari indirizzi delle superiori hanno consentito di realizzare risparmi colossali che, neanche in minima parte vengono reinvestiti.