Gae: adesso bisogna stare attenti alla valutazione dei titoli. A quanto pare, dopo la pubblicazione delle graduatorie provvisorie è il caso di stare con gli occhi sgranati…

Emblematico è il caso di Palermo dove, come riferisce l?Usb scuola locale, a poche ore dalla pubblicazione delle graduatorie ad esaurimento provvisorie , sono piovute richieste di chiarimento da parte di colleghi che si sono attenuti alle indicazioni del Miur e alla tabella di valutazione titoli, in relazione alla valutazione del concorso a Cattedra 2012 nelle classi  di concorso A043-A050-A051-A052 e nella scuola dell’Infanzia e Primaria,  ignorando la nota Prot. n. AOODGPER 4187 del 29 Aprile 2014 che chiarisce: “ Non è valutabile come abilitazione l’inserimento nella graduatoria di merito del Concorso per titoli ed esami di cui al D.D.G. 82 del 24 settembre 2012, in quanto, ai sensi dell’art. 13 comma III del D.D.G. medesimo, l’abilitazione all’insegnamento viene conseguita solo dai vincitori all’atto dell’assunzione in ruolo. Resta ferma la valutazione dell’inserimento in graduatoria di merito, in quanto “superamento di concorso” relativamente al punto C2 della tabella di valutazione dei titoli di I e II fascia delle graduatorie ad esaurimento”.
Inoltre, precisa l’Usb, le graduatorie concorsuali siciliane relative alle classi A043-A050-A051-A052 al momento dell’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento fossero “provvisorie”(le definitive sono state pubblicate solo nel mese di Giugno); di conseguenza coloro che hanno dichiarato di “aver superato” il concorso lo hanno fatto in base ad una graduatoria provvisoria e senza “decretazione” ufficiale dell’USR SICILIA.
Un altro problema ha poi riguardato le abilitazionei. Molti docenti, infatti, hanno dichiarato nell’ambito dei titoli l’abilitazione conseguita tramite TFA nonostante nella stessa classe di concorso fossero già abilitati tramite SSIS a cascata; ma il bando del I ciclo TFA consentiva l’accesso solo a coloro che non erano abilitati nella relativa classe di concorso per cui si procedeva alla procedura di selezione.
Dunque è il caso che l’Usp di Palrmo riesamini le graduatorie ad esaurimento e relativi punteggi. Si è tratto di un errore materiale? Certamente sì, ma tali situazioni potrebbero generare ontenziosi e lungaggini che potrebbero andare a discapito dei docenti precari e creare situazioni di disparità tra colleghi.
Insomma occhi aperti. I giorni di tempo per presentare reclamo sono pochissimi.

Silvana L La Porta