Gli esami di stato siano regolari e senza illegalità

Il gruppo di Firenze rilancia: regolarità degli esami di stato…(da latecnicadellascuola)


25/05/2012

Già l’anno scorso il Gruppo di Firenze lanciò l’iniziativa sottoscritta da oltre 558 tra docenti e dirigenti. Anche quest’anno parte similare iniziativa, alla quale ha aderito anche l’Anp, affinchè ciascuno si assuma l’impegno al rispetto rigoroso delle regole ali esami di stato.
L’appello del Gruppo di Firenze:
Un anno fa 558 docenti e dirigenti delle scuole italiane sottoscrissero una dichiarazione che così si concludeva:
“Noi sottoscritti commissari e presidenti di commissione dichiariamo pubblicamente che ci impegneremo per far sì che gli esami si svolgano in un clima sereno, ma nel rispetto della legalità, dell’equità e dell’imparzialità, a tutela del prestigio della scuola italiana, di coloro che vi operano con ammirevole impegno e dei tanti studenti che si preparano con serietà a questa importante prova”.
 Questa pubblica assunzione di responsabilità riuscì a porre all’ordine del giorno il problema della regolarità degli esami, cioè ancora una volta del rispetto delle leggi, dell’etica pubblica e dell’educazione dei giovani a questi valori. 
Un contributo importante lo dette anche la contemporanea pubblicazione di Ragazzi si copia di Marcello Dei, che dimostrava una diffusa sottovalutazione morale del copiare e del far copiare.
Certamente la sensibilità in proposito è molto aumentata, ma modificare  in profondità un costume radicato richiede tempo e perseveranza. Soprattutto non ci pare adeguata la consapevolezza in proposito del Ministero dell’Istruzione.
Per questo abbiamo pensato di tornare sull’argomento e di riprendere l’iniziativa in due modi:
– scrivendo una lettera al Ministro anche a nome dei 558 firmatari;
– invitando questi ultimi e chi altri volesse farlo a inviare brevi messaggi al ministro Profumo (segreteria.particolare@istruzione.it) e per conoscenza ai sottosegretari Elena Ugolini (segreteria.ugolini@istruzione.it) e Marco Rossi Doria (segreteria.rossidoria@istruzione.it).
Ecco un esempio puramente indicativo di mail al ministro, che potrà essere integrato, rielaborato o sostituito a piacere:
Gentile Ministro, Le chiedo di garantire la regolarità dei prossimi esdami di Stato, dando disposizioni per una vigilanza veramente rigorosa e mettendo in atto tutte le iniziative normative e tecniche utili a far sì che vengano premiati il merito e l’impegno invece della furbizia e della slealtà.
Una volta inviata la mail, vi preghiamo di inoltrarla anche a noi (gruppodifirenze@libero.it), per consentirci di avere un’idea del numero di messaggi spedito al Ministro. Vi invitimo inoltre a diffondere l’iniziativa.
Tra le lettere che fin qui ci sono state segnalate c’è anche quella del presidente della Associazione Nazionale Presidi (Anp), Giorgio Rembado.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.