Il Ministero fornisce preziose indicazione su una serie di temi…(da Latecnicadellascuola)

Punteggio aggiuntivo per le abilitazioni TFA a cascata o corrispondenti, decurtazione del servizio per il periodo di durata legale del TFA, certificazioni linguistiche, rivalutazione o cambio del titolo di accesso in II fascia, certificazioni informatiche, correzioni e integrazioni del modello A2/bis, altre attività di insegnamento, dichiarazione dell’iscrizione con riserva per gli abilitandi PAS e di Scienze della Formazione Primaria.

Arrivano le attese FAQ ministeriali per fornire preziosi chiarimenti sulle graduatorie d’istituto Con la nota 2034 del 10 giugno 2014, per il momento reperibile attraverso i siti internet sindacali, l’amministrazione ha affrontato diverse questioni.

Punteggio aggiuntivo per le abilitazioni TFA a cascata o corrispondenti

Il punteggio aggiuntivo (42 punti) può essere assegnato ad una qualsiasi delle classi di concorso in cui si è conseguita l’abilitazione (sia corrispondenti che a cascata). Per tutte le altre spetteranno soltanto i 6 punti aggiuntivi. Occorre indicarlo integrando il punto N del quadro C1 con una casella indicante il diritto ai 6 punti.

Decurtazione del servizio per il periodo di durata legale del TFA

Il periodo di effettivo svolgimento del TFA è l’anno accademico 2012/13 e quindi per tale anno è prevista la decurtazione del punteggio di servizio. In caso di errata indicazione provvederà la scuola che gestisce al domanda alle eventuali correzioni e integrazioni. E’ comunque opportuno dichiarare sempre tutti i servizi: sarà il sistema a decurtare l’anno corrispondente a quello di durata legale.

Certificazioni linguistiche

Le certificazioni linguistiche valutabili sono solo quelle rilasciate dagli enti accreditati di cui al DM prot. 3889 del 7 marzo 2012 (anche se rilasciate precedentemente). Le certificazioni dei centri linguistici di Ateneo sono valide solo per il livello B2. La laurea in lingue straniere non è valutabile come certificazione linguistica.

Rivalutazione o cambio del titolo di accesso in II fascia

In considerazione delle modifiche alle tabelle per la II fascia, il titolo di acceso va nuovamente dichiarato per l’eventuale rivalutazione. In mancanza provvederà comunque la scuola ad assegnare il nuovo punteggio.

E’ anche possibile sostituire il titolo di accesso con altro più vantaggioso dichiarandolo nella sezione C1 del modello e specificando in nota che si tratta di cambio del titolo di accesso ed indicando quello precedente. Se si è già presentata la domanda si può inviare una richiesta di integrazione entro i termini di scadenza (23 giugno).

Certificazioni informatiche

Le certificazioni informatiche valutabili sono solo quelle rilasciate da soggetti accreditati dagli enti di riferimento (AICA, MICROSOFT, CISCO ecc.). Per i titoli LIM e TABLET è necessario che nell’attestato siano indicati la durata del percorso e il superamento dell’esame finale.

Correzioni e integrazioni del modello A2/bis

Il modello A2/bis (destinato a chi oltre ad aggiornare qualche insegnamento si inserisce anche per altri) prevede la dichiarazione in ogni sezione della classe di concorso di interesse. Nel modello fornito dal MIUR tale indicazione è mancante per le sezioni B e C (pagina 5). E’ sufficiente inserire tale indicazione in testa alla pagina.

Altre attività di insegnamento

Le altre attività di insegnamento non sono soggette alla differenza tra scuole statali/paritarie e non paritarie: la loro valutazione è sempre di 0,5 punti al mese in tutti i casi.

Dichiarazione dell’iscrizione con riserva per gli abilitandi (PAS e Scienze della Formazione Primaria)

Coloro che si iscrivono con riserva in II fascia (abilitandi entro il 31 luglio) ai sensi del DM 375/14, devono allegare alla domanda una dichiarazione sotto la propria responsabilità, indicando il percorso al quale sono iscritti e l’Ateneo/l’istituzione AFAM di riferimento. Chi avesse già presentato la domanda può inviare a parte tale dichiarazione. In allegato un facsimile di dichiarazione.