E’ centrato su un nodo fondamentale dell’esistenza umana, il rapporto madre-figlio, il romanzo d’esordio (“Cuore di gomma”, Ferrari editore, pp. 175, € 15) di Laura D’Orsi, scrittrice e giornalista veneta, che ci regala una storia gradevole, ben strutturata, dove tutti i sentimenti umani confluiscono e si intersecano…(da La Sicilia del 14 settembre 2013)

 

Floriana, la giovane donna protagonista, a poche settimane dalla morte di sua madre, si reca nel suo appartamento per mettere ordine tra le sue cose. Ma, su un tavolino di cristallo, trova, lasciate lì (per caso o volutamente?), delle foto che la condurranno a un viaggio a rebours nel passato del genitore, che sarà poi un viaggio nei meandri della sua stessa vita. Nascono così domande fondamentali: chi sono stati davvero i suoi genitori? E lei stessa cosa ha capito del loro rapporto? Quante vite abbiamo e quante ne viviamo? Perché siamo tutti costretti a indossare delle maschere?

La scrittrice crea così un romanzo intimo, dove finezza di analisi psicologica e scavo interiore si susseguono, pagina dopo pagina, con un linguaggio che segue, allusivo e evocativo, le pieghe più riposte dell’animo e i segreti più intimi di una famiglia. Condizione della donna, difficili rapporti coniugali, verità taciute e ipocrisie necessarie si snodano fino a giungere a un tema di scottante attualità, come la concessione di diritti alle coppie gay, un atto di civiltà che il nostro paese attende invano da tempo.

Si ride, ci si commuove, si riflette alla lettura di queste pagine: e in particolare delle lettere della mamma, oscillanti tra profondo amore e radicato senso di colpa nei confronti di una figlia adorata, che col tempo le assomiglierà sempre di più.

Infine, con un classico colpo di scena degno dei migliori inventori di storie, scopriamo che il vero nodo della questione non è la madre, ma il padre di Floriana, custode di un terribile segreto, costretto a una vita infelice e mai autentica. La soluzione al dilemma è dentro il libro, basta iniziare a leggerlo…

 

Silvana La Porta