“I gay vanno curati” e scoppia la rivolta…(da Latecnicadellascuola)

19/01/2013

Un professore di religione del liceo Foscarini di Venezia, durante una discussione sollecitata dagli studenti sul tema dell’omosessualità, ha risposto ai ragazzi che gay non si nasce, ma lo si diventa facendo una scelta precisa e quindi chi si trova in queste condizioni, dovrebbe farsi curare

Pronta la risposta della Rete degli Studenti Medi Venezia-Mestre al prof Enrico Pavanello, 49 anni, del liceo classico ‘Foscarini’: “L’unica cosa da curare è l’omofobia. Ci sentiamo davvero delusi e fortemente indignati dalle parole di questo professore che, oltre ad essere insensate, trasudano un odio e un sentimento discriminatorio rispetto alle persone omosessuali, e possono essere molto pericolose in quanto dette davanti a ragazzi in pieno sviluppo della propria sessualità che possono sentirsi quindi discriminati da queste parole. Abbiamo assistito infatti in questi ultimi periodi a suicidi in tutto il mondo da parte di ragazzi giovanissimi, perché soffocati dalle discriminazioni e dal clima d’odio che respiravano all’interno delle proprie scuole”.
“Da sempre ci opponiamo a qualsiasi tipo di discriminazione, di orientamento sessuale, di genere, di nazionalità, di religione, schieramento politico. Come studenti di tutto il Veneto, chiediamo che il professore abbia la decenza di scusarsi con i propri studenti e pretendiamo che la dirigenza del M. Foscarini prenda i giusti provvedimenti, poiché questa è promulgazione di odio e discriminazione, che oltre ad essere perseguibile ai sensi della legge in quanto afferma notizie false, è pure un deludente scenario d’ignoranza e d’odio – conclude la Rete degli Studenti Medi del Veneto – Non è possibile che all’interno della scuola pubblica si promulgano e insegnino cose del genere”