altSiamo donne  che  hanno deciso di non restare a guardare il Paese che va in rovina. Donne che si uniscono per ottenere una Democrazia Compiuta con l’applicazione  della Costituzione. Donne  che vogliono porre al servizio del Paese le loro competenze e capacità. Donne che costruiscono una Rivoluzione Gentile, ma determinata, per dare un futuro ai propri figli e quindi al Paese.

 

 

 

 

 

IL TRENO DELLE DONNE PER LA COSTITUZIONE

pubblicata da Marisa Clara Celeste Corazzol il giorno lunedì 18 luglio 2011 alle ore 12.06

 

IL TRENO DELLE DONNE PER LA COSTITUZIONE

Un treno dal Sud- un Treno dal Nord alla volta di Roma per Circondare il Parlamento

 

Care amiche,cari amici,

vi invitiamo ad aderire all’iniziativa “Treno delle Donne in difesa della Costituzione”.

Siamo donne  che  hanno deciso di non restare a guardare il Paese che va in rovina. Donne che si uniscono per ottenere una Democrazia Compiuta con l’applicazione  della Costituzione. Donne  che vogliono porre al servizio del Paese le loro competenze e capacità. Donne che costruiscono una Rivoluzione Gentile, ma determinata, per dare un futuro ai propri figli e quindi al Paese. Donne decise a difendere i valori irrinunciabili della Costituzione.

Ancora una volta sentiamo il bisogno di aggregarci per affrontare insieme le grandi sfide di questo Paese, oramai senza bussola, che rischierebbe di disintegrarsi se solo si realizzassero le proposte di modifiche costituzionali come il recente testo di modifica dell’art.1 che disegna un vero e proprio stravolgimento dei principi democratici *.

Intendiamo, con questa iniziativa, essere un vivace esempio di protezione e difesa della Carta costituzionale;  imprimere energia e pensiero ad una politica sorda ad ogni innovazione, ed essere portatrici di legalità, giustizia e laicità.

Vogliamo confrontarci e vogliamo essere  nel contempo una fucina di idee generatrici di cambiamento. Siamo convinte che  la  politica deve  nutrirsi di desideri, alimentarsi con l’azione, vivere nelle relazioni, produrre benessere. La nostra rivoluzione gentile, che raccoglie l’eredità del movimento delle donne, è una rivoluzione culturale, capillare, che vuole coinvolgere tutti gli aspetti della politica, dell’economia, del vivere sociale, della pace e dell’ambiente, e rendere noi donne protagoniste ponendo al centro la nostra capacità di pensare al femminile

Non vogliamo partiti, né bandiere, né colori se non quelli della bandiera italiana e della Pace. Siamo trasversali e aperte all’apporto e all’adesione di tutti coloro che hanno a cuore il Bene Comune ed il futuro del nostro Paese.

Sul Treno della Rivoluzione gentile, possono salire anche gli uomini che sostengono la nostra Rete e condividono i nostri obiettivi.

Il treno  delle Donne attraverserà l’Italia il 22 e 23 settembre. Il punto di arrivo è

Roma. L’Obiettivo è di circondare il Parlamento. L’istanza è rivolta al Presidente della Repubblica quale Garante della Costituzione.

Aderisci al nostro Evento che interverrà contestualmente alla Marcia della Pace di Assisi del 25 settembre, e proseguirà con la partecipazione da parte dei gruppi che potranno organizzarsi per essere ad Assisi dopo Roma.

Scrivici: retedonnesiciliane@li bero.it; Info@trenodelledonneperlacostituzione.it

 

18 Luglio 2011                                                                                    Il Comitato Promotore

 

*proposta di legge costituzionale  

—————————————————————————————————– 

 

Inizio modulo

 

Promotori

RETE DELLE DONNE

SICILIANE PER LA

RIVOLUZIONE GENTILE

GRUPPO VENETO RETE

RIVOLUZIONE GENTILE

MOVIMENTI CIVICI

RADIO CENTO PASSI

CONSULTA DELLE DONNE

ONERPO

FORUM AMBIENTALISTA

RETE VIOLA

FATICART/SGUARDI SONORI

NOCOKE

VESPRI SICILIANI

 Aderiscono

GRUPPO TOSCANO RETE RIVOLUZIONE GENTILE

L’Idea del Treno delle donne per la Costituzione alla volta di Roma per presidiare il Parlamento a difesa della Costituzione è nata, dopo l’annunciata modifica dell’art. 1 della Carta costituzionale, dal confronto tra le donne della Rete delle Donne Siciliane Per la Rivoluzione Gentile, che ne è la Promotrice.

 Nessuno si era ancora spinto al punto di chiedere la modifica della prima parte della nostra Costituzione e questo per noi rappresenta un campanello d’allarme da non sottovalutare che ci ha portate di getto a lanciare questa importante iniziativa.

Noi donne, oggi più che mai, avvertiamo l’obbligo di accompagnare la società verso un futuro diverso. Riteniamo, infatti, che la nostra presenza e la nostra partecipazione attiva potranno restituire tutto quanto fino a oggi è mancato alla cultura politica del Paese.

Siamo numericamente la maggioranza in Italia e nessuno deve pensare di poter modificare la Costituzione senza la nostra compartecipazione.

Vogliamo essere portatrici di legalità, giustizia e laicità e questo ci impegna a difendere la nostra Carta costituzionale che è garanzia imprescindibile per l’affermazione di questi principi.

Questa battaglia vogliamo farla insieme a uomini e donne, ed a quanti hanno a cuore la difesa della Costituzione repubblicana.

Un treno dal Nord ed un treno dal Sud porterà a confluire a Roma le cittadine di questo Paese, e i cittadini che condividono questa battaglia, per unire le donne del Nord e Del Sud, per ribadire la volontà di pensare all’Italia unita, democratica, Repubblicana.

Le donne sentono vitale ed imprescindibile questa battaglia. Con la loro forza viva, creativa, fonte di cambiamento, andranno a presidiare il Parlamento Italiano a cui va lanciato un messaggio forte e chiaro:

“La Costituzione è di tutte le italiane e gli italiani, e senza la condivisione paritaria nessuno ha il diritto di modificarla. Soprattutto l’art. 1 dei principi fondamentali non si tocca!”.

 Gli Italiani hanno già bocciato a maggioranza, con il Referendum del 25 e 26 giugno 2006, le riforme che cambiavano l’assetto istituzionale nazionale della seconda parte della Costituzione. Oggi non si può far finta che ciò non sia successo e tornare allegramente a stravolgerla!

Per realizzare il presidio si è costituito il Comitato promotore:

 COSTITUISCONO IL COMITATO PROMOTORE:

(Ideatrice e Promotrice iniziale Nella Toscano) Iscrizioni e info: retedonnesiciliane@libero.it; (http://retedonnesicilianeperlarivoluzionege.blogspot.com )

2. GRUPPO VENETO RETE RIVOLUZIONE GENTILE (Referente Paola Bozzini) info:

paola.bozzini@infinito.it

(Referente Michele Boato) Info: micheleboato@tin.it

(referente Liborio Martorana) Info: liboriomartorana@hotmail.com (www.radiocentopassi.net

(Referente Wanda Montanelli) , info: consultadelledonne@email.it (http://www.wandamontanelli.it/CdD/);

(Osservatorio Nazionale ed Europeo per il Rispetto delle Pari Opportunità) (Referente Aura Nobolo, Info: onerpo@onerpo.it (http://www.onerpo.it/);

(Referente Ciro Pesacane) Info: posta@forumambientalista.org (www.forumambientalista.org)

8. RETE VIOLA (Referenti: Bob Fabiani, Cristina Massoccoli, Claudia Moriggi) Info:

umberto.fabiani@gmail.com; c.moriggi@hotmail.com; genjo@msn.com ;

(Referente/Direttore Editoriale Marisa Corazzol) info: corallina62@hotmail.com

10. MOVIMENTO NO COKE ALTO LAZIO (Referente Marzia Marzoli) Info:

nocoketarquinia@yahoo.it

, Referente Giovanni Palazzotto Info: famiglia@massimopalazzotto.it (www.vesprisiciliani.eu )

Aderiscono:

( Referente Annagloria Di Bono) Iscrizioni e info: rivoluzionegentiletoscana@gmail.com;

°°°

I Referenti del Comitato promotore nazionale si sono riuniti a Roma in Via Sant’Ambrogio 4, presso la sede del Forum Ambientalista, ed hanno fissato un secondo incontro per la data di venerdì 29 luglio, ore 18,00, presso la medesima sede. Il verbale della riunione è pubblicato agli atti sulle pagine web del Comitato.

http://www.facebook.com/?ref=home#!/notes/marisa-clara-celeste-corazzol/il-treno-delle-donne-per-la-costituzione/10150331490445729