CONCORSI, ESUBERI E MOBILITÀ La promessa di 300 mila posti entro il.. 2032! I giovani a concorso per prendere il posto in vecchiaia!…(inviato in redazione da Usbscuolact)


L’annuncio del ministro Profumo di un concorso, entro l’anno 2012, per 300 mila posti
di lavoro nella scuola è sicuramente la notizia più bella degli ultimi anni, un bel regalo
di Natale, in questo contesto di massacro sociale. Finalmente un Ministro ci dà
ragione: è possibile e necessario assumere almeno 300 mila, tra insegnanti e
personale ATA, per far funzionare la scuola.
Concorso si, concorso no.
Nessuna obiezione può essere fatta all’applicazione di una norma costituzionale come
il concorso: tanto più deve valere il diritto al lavoro dei precari storici, con titoli
formativi e accademici spesso superiori a tanti deputati e imprenditori che si
permettono di insultare i lavoratori della scuola; ma, soprattutto, la Costituzione va
riaffermata abrogando tutte le norme e leggi promosse dal Ministero
Gelmini, condannato più volte per l’anticostituzionalità dei provvedimenti che hanno
messo allo stremo la scuola. In questo modo riavremmo gli organici minimi per il
funzionamento della scuola.
Il Ministro Profumo, prima di fare certi annunci, deve dire che fine faranno i 20
mila soprannumerari previsti per il prossimo anno, o i 4 mila docenti inidonei, o i 3500
insegnanti di laboratorio, o gli amministrativi e i collaboratori scolastici tagliati solo
con la cancellazione di altre 1300 istituzioni scolastiche.
Il Ministro dovrebbe controllare cosa sta succedendo con le assunzioni della
Gelmini, posti congelati, accantonati che non sono stati assegnati; circa la metà
delle assunzioni fatte da questa estate, sono di lavoratori che hanno vinto il concorso
nel 1990 o nell’ultimo del 1999! E non tutti hanno preso il posto.
Con questi presupposti i giovani che il prossimo anno vinceranno il concorso
prenderanno il posto, se va bene, tra vent’anni, nel 2032!
Il Ministro deve “approfondire l’argomento con il confronto”
dicono CGIL,UIL,CISL: ora siamo a Natale, il rischio è che a
Pasqua ci sia la sorpresa di contratti “speciali” per i nuovi
assunti, con diritti normativi ed economici lesi, come è stato con
il ricatto stile Marchionne (posti di lavoro in cambio di diritti) che
ha portato alla prima deroga al Contratto Collettivo Nazionale
firmato all’Aran questa estate dai Sindacati collaborazionisti, con
la cancellazione di un “gradone” per l’anzianità: ai neo assunti è
toccato uno stipendio più basso. Questo è il Patto Sociale!
Dal 2005 al 2015 i pensionamenti sono almeno 300 mila e i tagli di Prodi e Berlusconi
(155 mila complessivamente) non hanno potuto cancellare l’aumento costante degli
studenti e il bisogno di formazione della società. Assumere i 250 mila precari
della scuola già iscritti nelle graduatorie non aumenterebbe di un euro la spesa
del Ministero dell’Istruzione, nel contempo altre centinaia di migliaia di giovani
potrebbero accedere al lavoro sostituendo i precari assunti. Ma i lavoratori sono
anziani, come ringiovanire la scuola?
Per far entrare i giovani nella scuola, basta mandare in pensione gli anziani!
IL 27 GENNAIO SCIOPERO GENERALE
CONTRO IL GOVERNO MONTI/BCE
Unione Sindacale di Base-viale dell’Aeroporto 129 – ROMA – centralino 06.762821
scuola@usb.it sito www.scuola.usb.it