Il CNPI nell’Adunanza di ieri (21 settembre 2012) ha espresso parere favorevole sui programmi…(da Ceripnews)

 


sulle prove d’esame e sulla valutazione dei titoli, finalizzati alla copertura di cattedre e posti nelle scuole dell’infanzia, del primo e secondo ciclo di istruzione.
Nel merito, in relazione ai programmi d’esame, il CNPI auspica per il futuro la necessità di ulteriori approfondimenti, indispensabili soprattutto per quel che concerne i contenuti specifici delle discipline e dei saperi fondamentali nella scuola primaria ed una rigorosa corrispondenza tra le avvertenze generali ai programmi e la stesura degli articoli relativi alla prova stessa.
In relazione alle prove d’esame il CNPI esprime parere favorevole sottolineando quanto appresso:
A – Relativamente alla prova preselettiva, preso atto del sostanziale accoglimento delle
richieste del CNPI, non paiono necessarie ulteriori modifiche.
B – Relativamente alla prova scritta:
1 – è necessario garantire la possibilità di partecipare, se in possesso dei prescritti
requisiti,  a più procedure concorsuali, adottando quindi un calendario articolato;
2 – è opportuno che la durata della prova scritta o scritto-grafica sia definita a livello  
nazionale.
C – Relativamente alla prova orale, dopo i chiarimenti forniti, non paiono necessarie
ulteriori modifiche.
Tuttavia il CNPI auspica l’accoglimento  della richiesta di rivedere il livello di conoscenza della lingua straniera da B2 a B1, dato che il livello più elevato è previsto nelle prove successive sia per la scuola primaria sia per l’ambito linguistico.
D – In relazione alla Tabella di valutazione titoli il CNPI, preso atto di quella definitiva fornita
dall’Amministrazione dopo il confronto.
.
In attesa del bando che sarà pubblicato in gazzetta Ufficiale martedì 25 settembre p.v. intanto si sono accertate le seguenti anticipazioni:
Procedure
Le procedure, che saranno gestite su base regionale (sarà possibile partecipare  anche per più insegnamenti ma in una sola regione), prevedono tre prove:
Preselezione
Il test preselettivo, consistente in una batteria di 50 domande a risposta multipla, per i quali i candidati avranno a disposizioni 50 minuti, unico per tutte le tipologie di concorso e comprendente prove di comprensione del testo (18 quesiti), capacità logica (18 quesiti), conoscenza di una lingua straniera (a scelta del candidato: 7 quesiti) e di competenze informatiche (7 quesiti).
I quesiti saranno estrapolati con modalità casuale dal programma informatico predisposto fra quelli (3.000/3.500) che saranno messi a disposizione dei concorrenti tre settimane prima della prova.
Il test, diverso per ciascun candidato, si svolgerà esclusivamente on line in ambienti appositamente dedicati forniti di computer per ciascun aspirante, e con esito immediato.
Prova scritta
Chi supera il test preselettivo è ammesso alla prova scritta (unica nazionale), che consisterà in quesiti di carattere disciplinare a risposta aperta con griglia nazionale di valutazione. Per gli insegnamenti di carattere artistico o che prevedono laboratori (es. fisica, meccanica, elettronica) sono, inoltre, previste prove pratiche.
Prova orale
Il superamento della prova scritta ed eventualmente pratica comporterà l’ammissione alla prova orale, consistente in una simulazione di attività didattica di 30 minuti su un argomento che lo stesso candidato estrarrà il giorno precedente (diverso per ciascun candidato), e in un successivo colloquio, sempre della durata massima di 30 minuti, che verterà su approfondimenti che prendono spunto dalla lezione simulata e comprenderà domande sulla lingua straniera prescelta (obbligatoriamente in lingua inglese per la scuola primaria).
Tempi
Secondo il Ministro la prova preselettiva potrebbe svolgersi già alla fine del prossimo mese di ottobre e comunque entro dicembre prossimo; le prove scritte nel mese di gennaio 2013.