Lettera aperta al Senato di gratitudine per l’approvazione del ddl Siragusa-Vicari (da Dirpresidi)


Spett.  Presidente del Senato on Schifani
Spett.  Senatori della 7 commissione
Spett.  Senatori
E p.c.
Alle 1.200 scuole della Sicilia
All’Amministrazione centrale e periferica del MIUR

Appena appreso dell’esitazione positiva  e definitiva il  23.11.2010 da parte del Senato della Repubblica del ddl Siragusa-Vicari che chiude la vicenda della rinnovazione del concorso a preside in Sicilia,
Esprimiamo

Come DIRPRESIDI, sindacato nazionale dei dirigenti scolastici che si è sempre battuto con convinzione e determinazione a favore della categoria rappresentata, tutta la nostra soddisfazione, gratitudine  e apprezzamento a tutti i senatori di tutti i gruppi politici e in particolare alla 7 commissione, che, pur in un momento difficile della vita istituzionale, ha esitato in sede legislativa, con grande senso dello Stato e in maniera bipartisan,  un provvedimento riparatore, a favore della scuola siciliana tutta, penalizzata da una sentenza incomprensibile del CGA Sicilia, che altrimenti avrebbe rischiato di mettere in ginocchio il sistema scolastico siciliano, che invece ha assoluto e urgente bisogno di avere dirigenti scolastici pienamente legittimati;
provvedimento a favore anche e soprattutto della stessa Amministrazione Regionale e periferica del MIUR, delle 416 scuole, di un terzo cioè delle scuole dell’isola assegnate tre anni fa da un regolare contratto a dirigenti dichiarati vincitori del concorso ordinario e, senza loro colpa, improvvisamente vistisi in pericolo di essere declassati dalla richiamata sentenza del CGA Palermitano, che in maniera postuma ha inteso individuare, solo per la Sicilia, la causa della caducazione delle procedure in un vizio di forma, non riscontrato invece per la stessa fattispecie dal Consiglio di Stato nelle altre regioni del paese.

La giustizia siciliana ha purtroppo e in solitudine  interpretato il decreto del Presidente del Consiglio di ministri 30 maggio 2001, n. 341, nel senso dell’obbligatorietà, per la correzione, del collegio perfetto, mentre diversa interpretazione del decreto è stata affermata per le procedure concorsuali di tutto il resto del territorio nazionale e confermato anche dalle sentenze del Consiglio di Stato n. 6228 del 2008 e n. 7964 del 2009.
Già la magistratura penale aveva avviato un’inchiesta al riguardo, successivamente archiviata, in quanto non è stata rilevata alcuna irregolarità, né tanto meno reato nelle procedure concorsuali in Sicilia.
Nella sentenza del CGA non viene mai messa in dubbio la veridicità e la bontà degli elaborati scritti che, a tutt’oggi, risultano validi a tutti gli effetti, anche alla luce del ricorso presentato da due insegnanti escluse che, per altre due volte, sono state successivamente bocciate da commissioni differenti.
I 416 dirigenti vincitori a cui è stata estesa “ erga omnes” tutta la procedura di caducazione, in controtendenza rispetto alla giurisprudenza consolidata che riserva solo ai ricorrenti i benefici della sentenza,  hanno subito un diverso trattamento in sede giurisdizionale, in spregio al principio di uguaglianza sancito dall’articolo 3 della Carta costituzionale.
La sentenza del CGA siciliano non ha poi considerato “ controinteressati “ gli 416 vincitori e ciò solleva il dubbio della violazione della previsione costituzionale che riconosce il diritto di agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi (articolo 24 della Costituzione), al soddisfacimento dei quali l’accertamento giudiziario definitivo è preordinato;
e nemmeno il successivo ricorso al rimedio eccezionale dell’opposizione di terzo, poteva  ormai valere a colmare il vulnus al diritto alla difesa sancito dalla Costituzione.
La corretta soluzione legislativa individuata dal Senato non è una sanatoria, bensì un intervento legislativo di carattere riparatorio, compatibile col quadro costituzionale, tanto in via generale, quanto ed in particolare con riferimento al contemperamento dei molteplici profili di natura costituzionale che la vicenda presenta.
Questa norma «riparatrice» consente di evitare una serie di gravose e per la loro complessa articolazione tuttora imprevedibili conseguenze, anche di natura risarcitoria, ai danni del buon andamento dell’azione amministrativa e dell’amministrazione pubblica, garantendo altresì essenzialmente la continuità della direzione didattica e disciplinare degli istituti scolastici.
Viene riparato un vulnus arrecato all’articolo 24 ed all’articolo 111 della Costituzione, sotto il diverso ma altrettanto essenziale profilo della lesione dei diritti di difesa dei dirigenti scolastici attualmente in servizio, quali vincitori del concorso.
La norma  che interviene in una situazione certamente straordinaria ed eccezionale, quale è assai raro incontrare, e che prevede quindi  la rinnovazione del concorso siciliano con modalità diverse per le diverse tipologie di concorrenti, è stata già salutata con grande soddisfazione da tutte le autorità siciliane, dal governatore Lombardo all’assessore Centorrino e da tutti i dirigenti scolastici dell’isola che vedono scongiurato quello che sarebbe stato un ulteriore e immeritato disastro per la già penalizzata scuola siciliana.
Distinti saluti

Il vicepresidente nazionale della DIRPRESIDI/CONFEDIR
Preside Salvatore Indelicato
330365449, s.indelicato@tin.it