Ascoltare dal vivo le colonne sonore dei più bei film da Oscar e vedere scorrere su uno schermo le loro scene più belle e commoventi. Un mix davvero unico che hanno regalato, domenica 5 marzo al Teatro Sangiorgi in collaborazione con la Camerata polifonica siciliana, i Chroma Ensemble, un affiatatissimo gruppo di valenti musicisti apprezzati in tutta Italia, che hanno al loro attivo una poliedrica attività concertistica, discografica, compositiva e didattica che spazia dalla musica da camera tradizionale, sinfonico-cameristica e solistica, alla musica etnica fino al jazz…

Insomma un quartetto d’archi, di solito principe indiscusso delle formazioni cameristiche, riplasmato e rimodulato, con il suadente accompagnamento delle sonorità del pianoforte e della fisarmonica, alla ricerca della massima versatilità e eleganza.

E così Marco Cascone  (Arrangiamenti/Pianoforte/Fisarmonica II), José Massaro (Violino I/Mandolino), Marina Zago (Violino II), Michela Bonavita (Viola), Jascha Parisi (Violoncello), Gianluca Abbate  (Fisarmonica) hanno dato vita a una serata eccezionale, dinanzi a un pubblico foltissimo ed entusiasta, che ha goduto di sonorità molto raffinate e di arrangiamenti davvero ben realizzati, mentre le immagini davano corpo e senso alle note in perfetta sincronia.

Prezioso l’amalgama donato all’esecuzione dalla magica fisarmonica, che ha sottolineato i momenti più emozionanti di film celebri come C’era una volta l’America o l’attesissimo bis con Nuovo cinema paradiso; intelligente la sequenza degli spezzoni, con un rapporto tra fabula e intreccio spesso invertito, a chiudere il cerchio della storia. Non sono mancati i momenti di puro divertimento con le scene dialogate della Matassa di Ficarra e Picone e quelli tragici, che ti lasciano col fiato sospeso, come il triste annuncio dell’imminente affondamento del Titanic.

Davvero il teatro Sangiorgi è diventato, per una sera, luogo privilegiato d’incontro dell’esperienza visiva e di quella sonora. E i Chroma ensemble hanno saputo plasmare con pochi, efficaci tocchi il significato o il tono di un’intera sequenza. A quanto pare, fortunatamente, il gruppo, a testimonianza del suo amore per il cinema, ha già pronti altri 40 film da “commentare” musicalmente. Noi speriamo di ascoltare ancora tanta ottima musica a Catania e attendiamo segretamente Chaplin…

Silvana La Porta