Ecco le prime anticipazioni sulle tracce maturità 2010…(da clandestinoweb)


22 giu. – Primo Levi per l’analisi del testo, le foibe per il tema storico, il ruolo dei giovani nella politica, ”piacere e piaceri” da Botticelli a D’Annunzio per l’artistico-letterario. Sono queste le tracce del tema di italiano proposte per la Maturita’ 2010. Anche gli Ufo ”sbarcano” nella Maturita’ 2010: per la prova di italiano gli studenti hanno anche a disposizione il titolo ”Siamo soli?” per il tema tecnologico. Il tema di attualita’ e’ dedicato quest’anno al ruolo della musica, con tanto di citazioni di Aristotele, mentre per l’ambito socio-economico i candidati sono invitati a esprimersi sulla ”Ricerca della felicita”.
Ha preso dunque il via oggi l’esame di maturità 2010, che quest’anno vede coinvolti mezzo milione di candidati suddivisi per oltre 28 mila classi: alle 8,30 in punto i 14mila presidenti di commissione hanno aperto le buste, rigorosamente chiuse con ceralacca dai tecnici del ministero dell’Istruzione, contenenti le cinque tracce della tradizionale prima prova di italiano.
Gli studenti potranno scegliere tra analisi del testo, saggio breve (in genere il più gettonato), articolo di giornale, tema storico e tema d’attualità: dalla lettura delle tracce avranno sei ore di tempo massime per produrre l’elaborato.
Come prassi, alla prova di oggi seguirà, con sole 24 ore di distanza, quella del secondo scritto. Ogni tipologia di corso sosterrà una prova diversa: ad esempio, greco al liceo classico, matematica allo scientifico, lingua straniera al liceo linguistico. Venerd 25 è in programma la terza ed ultima prova scritta, il cosiddetto ‘quizzone’ (a risposte chiuse o aperte) particolarmente temuto dagli studenti, preparato direttamente da ogni singola commissione.
 

Si tratta della verifica che il ministro Gelmini ha nei giorni scorsi dichiarato di voler sostituire con una prova standardizzata, preparata dall’Invalsi, in linea con quanto già accade in occasione degli esami delle medie da un paio d’anni e soprattutto con le indicazioni provenienti dall’Ue. Poi, dalla prossima settimna, si svolgerà l’ultima verifica: il colloquio orale.