altSi torna a parlare dell’ultimo esame di maturità ma anche di quello del 2011 e l’occasione per farlo è l’analisi dei risultati degli ultimi esami di Stato. Questi hanno messo in evidenza che dei 4.037 diplomati con 110 e lode, la metà sono stati assegnati a studenti del Sud e delle isole. Sono davvero i più bravi o sono più blandi i criteri di valutazione?

 

 

 

 

 

Maturità, troppi 100 e lode al Sud: “Serve un test uguale per tutti” (Commenti e Sondaggio)

Una terza prova uguale per tutti agli esami di maturità è più che un’idea. Già da dall’esame di stato 2010 è partita una sperimentazione che punta ad introdurre criteri di valutazione oggettivi e uguali per tutti

di Marta Ferrucci 5 agosto 2010

Si torna a parlare dell’ultimo esame di maturità ma anche di quello del 2011 e l’occasione per farlo è l’analisi dei risultati degli ultimi esami di Stato. Questi hanno messo in evidenza che dei 4.037 diplomati con 110 e lode, la metà sono stati assegnati a studenti del Sud e delle isole. Sono davvero i più bravi o sono più blandi i criteri di valutazione?

Per risolvere la questione il Ministro Gelmini ha già pensato ad un test analogo a quello fatto per le medie, una prova uguale per tutti su scala nazionale che valuti con oggettività il livello di preparazione degli studenti.

Il nuovo test è più che un’idea, è un progetto già partito nel corso di questi esami di Stato, coinvolgendo in via sperimentale 2.000 insegnanti e 5.000 studenti scelti a macchia di leopardo in tutto il territorio nazionale ma, dichiara il ministro, ”l’idea e’ di raddoppiare i numeri del progetto pilota il prossimo anno, arrivando cioe’ a quattromila insegnanti e diecimila ragazzi”.

Il fatto che gli studenti ”cento e lode” siano concentrati per lo piu’ al Sud Italia infatti, ”e’ un fenomeno che avevamo gia’ notato. Per questo il ministero ha avviato un progetto pilota per sperimentare i test agli studenti della maturita’. I test che abbiamo pensato sono stati strutturati un po’ come gli ‘Invalsi’ che abbiamo fatto per la scuola media. E prevedono comprensione e ragionamento, non soltanto crocette. Poi ci pensano i criteri fissati a rendere oggettiva la valutazione” ha concluso la Gelmini.

http://www.studenti.it/maturita/notizie-maturita/maturita-troppi-100-e-lode-al-sud-serve-un-test-uguale-per-tutti.php