altPiù filosofia, più lingue straniere (antiche e moderne), più scienze. Più tempo pieno, meno segmentazione, insegnanti più qualificati (e meglio retribuiti). La ‘rivoluzione della serietà’ per la scuola – pubblica, laica, pluralista – deve essere al centro di un programma di governo di sinistra. Perché è nella scuola che si forma la comunità e si costruisce il futuro del paese.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Marina Boscaino – Un programma per la scuola
Più filosofia, più lingue straniere (antiche e moderne), più scienze. Più tempo pieno, meno segmentazione, insegnanti più qualificati (e meglio retribuiti). La ‘rivoluzione della serietà’ per la scuola – pubblica, laica, pluralista – deve essere al centro di un programma di governo di sinistra. Perché è nella scuola che si forma la comunità e si costruisce il futuro del paese.

Angelo d’Orsi – Un programma per l’università e la ricerca
Come per la scuola, anche per l’università italiana ci vuole una ‘rivoluzione della serietà’ che chiuda per sempre la triste parentesi inaugurata dalla riforma Berlinguer e arrivata fino all’era Gelmini. Abolizione del 3+2, introduzione di una cooptazione dichiarata e regolata, elezione del rettore e di tutte le cariche gestionali e direttive degli atenei, investimenti massicci nel diritto allo studio, estremo rigore nelle valutazioni, drastica riduzione dei corsi di studio: sono solo alcuni dei punti per la riforma di un settore sempre più strategico per la democrazia e l’economia di domani.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/micromega-72011-il-programma-dellaltraitalia-il-sommario-del-nuovo-numero-in-edicola-e-libreria-da-martedi-25-ottobre/