Nella scuola 100mila posti liberi di P.A…(da Latecnicadellascuola)

 

01/09/2013

Le 44mila in tre anni annunciate dal Ministro Carrozza non bastano, per Anief i posti da assegnare sono oltre 100mila: 14.200 cattedre ancora libere, 37.000 di sostegno, 25.000 Ata, 25.000 pensionati in due anni

E Anief prosegue il suo comunicato dicendo che “non si può assumere al ribasso: solo nelle graduatorie ci sono 250mila precari. A cui si aggiungo 20mila abilitati con Tfa ordinario e migliaia di vincitori di concorso rimasti a spasso.
Indispensabili anche una serie di misure parallele: sbloccare ‘Quota96’, aumentare le ore di tempo scuola, portare l’obbligo formativo a 18 anni, far tornare autonome 2mila scuole oggi in reggenza.
I 44mila docenti e Ata da assumere corrisponde per Anief a meno della metà dei 100mila posti effettivamente liberi nel prossimo triennio, mentre viene ricordato che “assieme alle assunzioni, da aumentare, bisogna permettere di collocare in pensione il personale ultra 60enne con almeno 36 anni di contributi. Che non può attendere ancora cinque anni per andarsene. “Occorre prima di tutto favorire il pensionamento del personale con oltre 60 anni di età e 35 di contributi, catalogato come ‘Quota96’, ottusamente costretto a rimanere in servizio per via della riforma Fornero. Occorre poi agire sul tempo scuola, tornando alle ore di offerta formativa precedenti alla Legge 133 del 2008 voluta dai ministri Tremonti e Gelmini, e portare l’obbligo formativo a 18 anni”.
“È evidente che la scuola italiana”, continua il sindacato, “doveva assorbire la riforma Fornero in modo diverso. Il nostro Paese, infatti, annovera già da tempo i docenti più vecchi dell’area Ocse, con l’età media attorno ai 50 anni. E manda in ruolo la maggior parte dei precari sempre a quella età. Ora, con le nuove norme che obbligano ad andare in quiescenza non prima dei 65-67 anni, ci ritroveremo con un numero altissimo di insegnanti stanchi e demotivati, costretti a trasmettere conoscenze a classi-pollaio di 30 e più alunni.
In questo momento, dice Anief, vi sono oltre 14mila cattedre rimaste libere. A cui vanno aggiunti 37mila posti di sostegno e circa 25mila tra amministrativi, tecnici ed ausiliari. Considerando un minimo di altri 25mila pensionamenti nel prossimo biennio, si superano i 100mila posti.