da L’Unità


Noemi in tv

di Lidia Ravera
Noemi Letizia da Casoria è pura plastica postmoderna. Vocetta querula, capelli tinti di giallo che la manina laccata sposta continuamente, qualche ritocco alla “carrozzeria”per aiutare madre natura, occhi vuoti, trucco pesante, attività cerebrale ridotta e condensata in poche frasette tratte dal prontuario delle aspiranti miss, capitolo “interviste”, e portate a momoria. Nessuno l’ha mai sentita cantare ballare o recitare. Eppure ha già ricevuto un premio: alla carriera che verrà. Adesso, se i vertici Rai riescono a gestire l’imbarazzo, debutterà in televisione. Prima che la giovinezza, sua unica competenza professionale, le sfiorisca in mano, sarà ricca e stimata. Famosa lo è già. Per “Par condicio” anche il bel Pier, che lavora dal carrozziere qui all’angolo, dovrebbe sfondare in tivvù. C’è una signora abbastanza influente da benedirgli il compleanno?