Papa Francesco, durissimo attacco del cardinale Müller: “Bestiale attaccare Matteo Salvini sugli immigrati”

Conclude Müller: “E’ singolare che il Papa riceva le persone più laiciste, e non Salvini. Dialoga col regime del Venezuela, o con la Cina che mette milioni di cristiani nei campi di rieducazione, distrugge le chiese, perseguita i cristiani. Ma qui in Italia non siamo in Cina. Devi parlare con tutti in uno spirito di fratellanza”.

——-

CROLLA IL VATICANO

Papa Francesco, durissimo attacco del cardinale Müller: “Bestiale attaccare Matteo Salvini sugli immigrati”

Premette che non andrà mai contro Papa Francesco ma non gli risparmia critiche pesantissime: “Dire, come hanno fatto il direttore di Civiltà cattolica, padre Antonio Spadaro, e il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, che Matteo Salvini non è cristiano perché è contro l‘immigrazione, è stato un errore. In questa fase la Chiesa fa troppa politica e si occupa troppo poco di fede”. Il cardinale tedesco Gerhard Müller, capofila dei conservatori in Vaticano, in una intervista a Il Corriere della Sera, si scaglia contro quello che lui stesso chiama “il cerchio magico” di Bergoglio.

Secondo Müller nessuno deve “immischiarsi nella politica, quando ci sono un Parlamento e un governo legittimati democraticamente, come in Italia. Meglio parlare con Salvini, discutere, o correggerlo quando è necessario”. E poi, continua, “ci sono Paesi che vogliono scristianizzare l’Italia e l’Europa, mentre Salvini si è rifatto ai patroni dell’Unione Europea, alle sue radici cristiane. Preferisco chi parla di tradizione cristiana a quanti la rimuovono. È assurdo che collaboratori del Papa come Spadaro si ergano a giudici politici. Chi lo autorizza?”.

Di più. “Teologicamente è una bestialità dire che una persona non è cristiana, se è stata battezzata e cresimata. È un giudizio politico“. E sull’immigrazione: “è un tema politico con motivazioni etiche profonde. Si può dire che un politico lo affronta da buon cattolico o da cattolico meno buono. Possiamo ammonire ma non ostracizzare”. Insiste, in antitesi con il Papa: “Non si può dire che chi non condivide l’accoglienza degli immigrati non è cristiano. Chiaramente dobbiamo accogliere gli immigrati, ma non identificarci con una sola politica. La gente non capisce, è disorientata. Quando Salvini critica il Papa nel comizio a piazza Duomo, a Milano, e c’è l’applauso, dove siamo finiti?”. Conclude Müller: “E’ singolare che il Papa riceva le persone più laiciste, e non Salvini. Dialoga col regime del Venezuela, o con la Cina che mette milioni di cristiani nei campi di rieducazione, distrugge le chiese, perseguita i cristiani. Ma qui in Italia non siamo in Cina. Devi parlare con tutti in uno spirito di fratellanza”.

§ https://www.liberoquotidiano.it/news/italia/13467024/papa-francesco-cardinale-gerhard-muller-papa-francesco-bestiale-condanna-matteo-salvini.html

——-

Leggi anche: “Ecco quanto ha pesato il l’elemosiniere del Papa”. La Ghisleri mostra i dati: la verità sul botto leghista

+++++++

Il Manifesto del cardinale Müller per attaccare la dottrina di Francesco

Il documento firmato dall’ex capo della Dottrina della Fede è stato pubblicato dal sito conservatore americano Lifesitenews, lo stesso che rilanciò con enfasi la richiesta di dimissioni al Papa da parte dell’ex nunzio a Washington Carlo Maria Viganò

di Paolo Rodari  – 9 febbraio 2019

Il Manifesto del cardinale Müller per attaccare la dottrina di Francesco
CITTÀ DEL VATICANO. “Il cardinale Gerhard Müller, ex capo della Dottrina della Fede, ha pubblicato un Manifesto che suona come una correzione di molti degli errori dottrinali che Francesco ha insegnato durante il suo mandato come Papa. L’intenzione del cardinale era di pubblicare il manifesto il 10 febbraio. La data è la vigilia dell’anniversario dell’annuncio” della rinuncia di Benedetto XVI al pontificato e insieme “la vigilia dell’ordinazione del cardinale al sacerdozio”. Tuttavia, “un sito web polacco ha rotto l’embargo e quindi il documento è stato rilasciato oggi”.

Con queste parole il sito conservatore americano Lifesitenews, lo stesso che lo scorso agosto ha rilanciato con grande enfasi la richiesta di dimissioni chieste a Francesco da parte dell’ex nunzio a Washington Carlo Maria Viganò, lancia un “Manifesto della fede” scritto dal prefetto emerito dell’ex Sant’Uffizio volto a contrastare “la crescente confusione sulla dottrina della fede” e mostra la chiara intenzione di chi ha scritto il documento di dire la sua su ciò che il pontificato in corso lascia, sempre secondo chi ha vergato il testo, incerto. Müller non cita mai Papa Francesco, ma come le parole diLifesitenews dimostrano è chiaro che l’obiettivo del fronte conservatore del quale egli è personalità di spicco è di “dare pubblica testimonianza verso la Verità della rivelazione” in un momento per la Chiesa che egli giudica essere “di sempre più diffusa confusione nell’insegnamento della fede”. Una confusione, è sottinteso, che per lui e per gli oppositori di Francesco è provocata dal Papa, dal suo magistero, dalle sue parole.

Müller non cita Bergoglio, ma attinge parole dagli insegnamenti di Giovanni Paolo II: “Oggi – dice – molti cristiani non conoscono più nemmeno i fondamenti della fede, con un pericolo crescente di non trovare più il cammino che porta alla vita eterna. Tuttavia, compito proprio della Chiesa rimane quello di condurre gli uomini verso Gesù Cristo, luce delle genti. In questa situazione, ci si chiede come trovare il giusto orientamento. Secondo Giovanni Paolo II, il Catechismo della Chiesa Cattolica rappresenta una ‘norma sicura per l’insegnamento della fede’. Esso è stato scritto allo scopo di rafforzare i fratelli e le sorelle nella fede, una fede messa duramente alla prova dalla ‘dittatura del relativismo

Müller in un documento ricco di dotte citazioni parla “della ricomparsa di antiche eresie”, di “anticristo”, della Chiesa come l’istituzione che “trasmette con l’autorità di Cristo la divina rivelazione”: essa – scrive – “non è un’associazione creata dall’uomo, la cui struttura può essere modificata dai suoi membri a proprio piacimento”. Dalle teorie generali il porporato tedesco passa alla pratica. E dice la sua sui divorziati risposati: “Dalla logica interna del sacramento si capisce che i divorziati risposati civilmente, il cui matrimonio sacramentale davanti a Dio è ancora valido, come anche tutti quei cristiani che non sono in piena comunione con la fede cattolica e pure tutti coloro che non sono debitamente disposti, non ricevano la santa Eucaristia fruttuosamente, perché in tal modo essa non li conduce alla salvezza. Metterlo in evidenza corrisponde a un’opera di misericordia spirituale”.

Il cardinale ricorda poi come “il riconoscimento dei peccati nella santa confessione almeno una volta all’anno è uno dei precetti della Chiesa” e spiega che “i sacerdoti scelgono volontariamente il celibato come “segno di questa vita nuova” e che “a tale riguardo, parlare di una discriminazione della donna dimostra chiaramente una erronea comprensione di questo sacramento, che non riguarda un potere terreno ma la rappresentazione di Cristo, lo Sposo della Chiesa”. E ancora parla di “legge morale”, che “non è un peso ma fa parte di quella verità liberatrice attraverso la quale il cristiano percorre la via della salvezza e non deve essere relativizzata”. Insieme attacca, pur senza fare nomi, i vescovi “che preferiscono agire da politici piuttosto che da maestri della fede proclamare il Vangelo”. Fra queste il fatto che “la morte rende definitiva la decisione dell’uomo a favore o contro Dio”.

E conclude: “Tacere su queste e altre verità di fede oppure insegnare il contrario è il peggiore inganno contro cui il Catechismo ammonisce vigorosamente. Ciò rappresenta l’ultima prova della Chiesa, ovvero ‘una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia della verità’. È l’inganno dell’Anticristo, che viene ‘con tutte le seduzioni dell’iniquità, a danno di quelli che vanno in rovina perché non accolsero l’amore della verità per essere salvati’”. Infine ecco il motivo di questo Manifesto che suona, al di là dei virtuosismi letterari, come una presa di distanza netta dal pontificato in corso: “Ci impegniamo – dice – a rafforzare la fede confessando la verità che è Gesù Cristo stesso”. E ancora: “Possa Maria, Madre di Dio, implorarci la grazia di aggrapparci alla confessione della verità di Gesù Cristo senza vacillare”.

§ https://www.repubblica.it/vaticano/2019/02/09/news/cardinale_mu_ller-218700536/
+++++++
Nasce un fronte sovranista anti-Bergoglio
§ http://stanzevaticane.tgcom24.it/2018/10/29/nasce-un-fronte-sovranista-anti-bergoglio/
+++++++

 

Related Posts

Il 23 ottobre “Deadbook” inaugura la quarta stagione di Teatro Mobile di Catania

Il 23 ottobre “Deadbook” inaugura la quarta stagione di Teatro Mobile di Catania

“Gli industriali del ficodindia” con Tuccio Musumeci, inaugura il 24 ottobre la XII Stagione del Teatro Brancati

“Gli industriali del ficodindia” con Tuccio Musumeci, inaugura il 24 ottobre la XII Stagione del Teatro Brancati

Magie barocche, volano con Alessandro Deljavan le note delle celestiali Variazioni Goldberg di Bach

Magie barocche, volano con Alessandro Deljavan le note delle celestiali Variazioni Goldberg di Bach

Magie barocche: affascinante exordium con le Quattro stagioni dei Solisti Aquilani

Magie barocche: affascinante exordium con le Quattro stagioni dei Solisti Aquilani

Presentata al Musco l’attesa pièce “Medea”, appuntamento al 12 e 13 ottobre

Presentata al Musco l’attesa pièce “Medea”, appuntamento al 12 e 13 ottobre

Mitoff chiude in bellezza con l’Agamennone al castello Ursino

Mitoff chiude in bellezza con l’Agamennone al castello Ursino

Su Vincenzo Pascuzzi

Vincenzo Pascuzzi: è stato docente precario per quasi venti anni prima del ruolo. Ha insegnato Matematica, Elettrotecnica, Fisica in vari licei, istituti tecnici e professionali di Roma. Segue le vicende dei precari e della scuola. Interviene con note e articoli su vari siti, blog, ml. Partecipa al gruppo Iuas (Insiemeunaltrascuola) e al gruppo facebook Invalsicomio.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.