Precari, strada verso la cattedra per 75mila   Il Sole 24 Ore…


 

Porta aperta verso una chance di stabilizzazione per 75mila precari della scuola. Gli interessati sono i docenti non abilitati, che però hanno svolto almeno tre anni di insegnamento entro gli anni scolastici 1999-2000 e 2011-12.

Il ministro dell’Istruzione e dell’Università ha infatti firmato un decreto che, oltre a prevedere nuovi criteri di programmazione del numero dei posti dei docenti abilitati necessari per il funzionamento del sistema formativo nazionale, ha affiancato al Tfa ordinario percorsi abilitanti riservati (il cosiddetto Tfa speciale), come misura transitoria limitata alle annualità 2012-13, 2013-14 e 2014-15. Lo riferisce una nota del Miur spiegando che il provvedimento, «tanto atteso da numerosissimi docenti precari non abilitati e in servizio da almeno 3 anni entro il periodo degli anni scolastici 1999-2000 e 2011-12 e il cui numero stimato é di circa 75.000, é stato completato». Per diventare efficace deve essere ora registrato alla Corte dei Conti e pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Gia’ nei prossimi giorni sara’ avviata la programmazione dei percorsi, articolati in tre step, per arrivare all’abilitazione all’insegnamento nella scuola: una prova nazionale, tendente ad accertare le capacita’ logiche, di sintesi e linguistiche del candidato, il quale potrà conseguire un punteggio fino a 35 punti; la graduatoria compilata sulla base dei punteggi conseguiti nella prova nazionale servira’ anche a stabilire l’ordine delle ammissioni ai percorsi abilitanti riservati nelle singole università, che potranno prevedere piu’ edizioni; percorso universitario con insegnamenti in aula per un totale di 41 crediti formativi, con verifiche per ciascun insegnamento che – se superate – potranno far conseguire all’abilitando da 30 a 50 punti; prova finale, che andrà ad accertare la preparazione professionale dell’abilitando e che sarà valutata con un punteggio fino a 15 punti. Il titolo di abilitazione sarà dunque conseguito se il candidato avrà ottenuto un punteggio complessivo di almeno 60/100.