Prove Invalsi 2011-2012 Incontro Invalsi, ministero, sindacati  Il calendario e il piano delle attività per le prove…

Presentato alle organizzazioni sindacali il calendario ed il piano delle attività  per le prove INVALSI per l’a. s. 2011-2012.
Per la UIL  le rilevazioni INVALSI, le attività di valutazione delle scuole e lo svolgimento degli esami di stato vanno definiti ad inizio anno scolastico e non possono essere modificati in corso d’opera.
Il lavoro delle scuole e degli insegnanti  va rispettato anche attraverso tempi adeguati alla programmazione delle attività didattiche.
Occorre  attivare l’impegno degli  uffici scolastici regionali, attraverso conferenze di servizio, piani di coinvolgimento, formazione ed informazione   rivolti agli insegnanti  per  rendere   attivo  e consapevole il loro contributo. Va istituita a livello regionale una struttura permanente che affronti le criticità e sia di interfaccia con le scuole nelle diverse fasi operative.
Con tempi più distesi è possibile prevenire molti dei danni generati da una programmazione frettolosa, collaborare per la gestione di un sistema complesso, ma importante  per lo sviluppo e la qualificazione del sistema di istruzione.
E’ necessario  rendere disponibili risorse finanziarie aggiuntive, sia per potenziare l’attività INVALSI che per riconoscere l’impegno ed il lavoro aggiuntivo di tanti operatori. Per l’attività di rilevazione dell’INVALSI l’Italia spende infatti un quinto della spesa dedicata in Francia.
E’ positivo che la macchina organizzativa venga avviata in anticipo rispetto allo scorso anno per agevolare  la programmazione degli impegni, l’inserimento nei piani di attività delle scuole e le delibere collegiali.
Nel corso dell’incontro l’INVALSI ha presentato un primo progetto che ne coinvolge l’attività  per la predisposizione  di una prova nazionale cui si potranno sottoporre a domanda gli studenti  che, concluso  il  ciclo di studi del secondo grado con un certo punteggio, intendono partecipare alla selezione per  concorso per borse di studio per l’università.