La collega Isa Cantatore racconta la sua triste storia con un bambino escluso dalle prove Invalsi…

ho subito accuse infamanti e un collegio-processo dal mio dirigente O TUTTI O NESSUNO

di Isa Cantatore

Ho condiviso quest’anno scolastico con bambini di seconda elementare e i test invalsi erano, a mio parere, un’assoluta aberrazione rispetto alla loro sensibilità e al percorso fatto insieme. Insieme anche ad un bambino autistico che dopo aver vissuto ogni giorno con i compagni, il fatidico giorno delle prove, sarebbe dovuto uscire di classe perché, il suo test non “fa media” nel sondaggio nazionale.

Leonardo, per il sistema di valutazione nazionale, non esiste, è un bambino invisibile, lui che ha iniziato a parlare con i compagni, a cantare, a fare il girotondo… poteva anche fare il test, ma, tanto, non aveva valore… e allora tutti i genitori della classe non hanno fatto entrare i loro figli, io ho scioperato, ho subito accuse infamanti e un collegio-processo dal mio dirigente che ha visto la protesta pubblicata dappertutto.

Ho 60 anni, 38 anni di ruolo, ho studiato e mi sono formata con don Milani, mai avrei potuto ma è triste sentirsi soli nell’affermare principi fondamentali che toccano l’animo dei bambini, di tutti i bambini. per questo scrivo anch’io, grazie a facebook non mi sento più “una voce che grida nel deserto”.

https://www.facebook.com/groups/invalsicomio/

https://www.facebook.com/groups/263023307179412/