Prendendo visione dell’organico di diritto della mia provincia ho scoperto che si sono spezzoni di 16 ore, che sono rimasti tali, e altri spezzoni di 16 ore che sono stati assemblati con spezzoni di due ore per costituire delle cattedre. Vorrei sapere perché in alcuni casi vengono costituite le cattedre e in altri casi no…
Marco Milano

La costituzione delle cattedre, fatto salvo il numero massimo di cattedre autorizzabile a livello provinciale, è funzionale al mantenimento delle relative titolarità, in osservanza del principio di continuità didattica che, giova ricordarlo, è interesse pubblicistico che assume rilievo in capo all’utenza e non in capo ai singoli docenti. Conseguentemente, la norma base che regola la costituzione degli organici e, dunque, delle cattedre, è quella di evitare il più possibile l’insorgenza di situazioni di soprannumerarietà. Ciò determina l’esigenza di salvare, in via prioritaria, le titolarità, anche per il tramite della costituzione di cattedre orario esterne formate da due o più spezzoni. In via residuale, dunque, in organico di diritto l’amministrazione tende a non assemblare spezzoni che non siano funzionali a tale esigenza, sempre che residuino cattedre dopo la ricostituzione delle titolarità pre-esistenti, salvo procedere in tale senso in organico di fatto, in vista della mobilità annuale e della disposizione degli incarichi di supplenza.

Antimo Di Geronimo.