Ricostruzioni di carriera: dal Miur istruzioni errate!…

 

 


La Segreteria Nazionale Cisl Scuola è intervenuta presso il MIUR segnalando le errate indicazioni contenute in un avviso pubblicato nel Service Desk On Line in cui si afferma la non validità ai fini di carriera dei periodi di congedo di cui all’art. 42 comma 5 del d.lvo 151/01. Questo il testo della nota inviata al Direttore Generale dei Sistemi Informativi:
In data 23 ottobre u.s. nell’Area Intranet SIDI riservata alle scuole è stato pubblicato il seguente AVVISO: “Ricostruzione carriera personale comparto scuola
Si comunica che le funzioni dell’area Ricostruzione Carriera sono state modificate per la corretta gestione dei codici assenza B022 e HH16 “Congedo per assistenza familiari con handicap in situazione di gravità”. In accordo con la circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 50580 del 25/02/2005, relativamente all’art. 42 comma 5 del D.Lvo 151/2001, l’assenza di cui trattasi non è utile ai fini della progressione economica. Con successiva nota verrà comunicata la disponibilità a SIDI del modello di decreto di congedo aggiornato in coerenza con la citata circolare”.
Si chiede l’immediato ritiro della comunicazione e la conseguente rettifica delle funzioni predisposte in quanto palesemente contrastanti con la normativa in vigore.
A supporto della richiesta si evidenzia quanto segue:
l’art. 43 del D.Lvo 151/2001, rubricato “ Trattamento economico e normativo”, rimanda alle disposizioni ex articolo 34, comma 5 che prevede: “I periodi di congedo parentale sono computati nell’anzianità di servizio, esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia”;
con Parere n. 3389 del 2005 il Consiglio di Stato ha chiarito che “i periodi di congedo sono computati nell’anzianità di servizio, esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità”;
con Sentenza n. 158 del 2007 “ la Corte Costituzionale definisce il congedo ex art. 42 del D.lvo 151/2001 come “congedo straordinario retribuito”;
con Parere n. 21/08 del 18.3.2008 il Dipartimento della funzione pubblica alla luce della giurisprudenza sopra richiamata ha affermato che “I periodi di congedo sono computati nell’anzianità di servizio, esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità”;
con Circolare n. 1 del 3 febbraio 2012 il Dipartimento della Funzione Pubblica, all’ art. 3 lettera d) – secondo capoverso, ha ribadito a chiare lettere che “Ai sensi del comma 5 quinquies dell’art. 42 del D.Lvo 151/2001, i periodi di congedo straordinario non sono computati ai fini della maturazione di ferie, tredicesima, trattamento di fine rapporto e trattamento di fine servizio, ma, essendo coperti da contribuzione, sono validi ai fini del calcolo dell’anzianità.”
Risulta evidente che le indicazioni impartite con il comunicato di cui trattasi violano il dettato normativo, la giurisprudenza nonché le circolari applicative che dal 2008 si sono succedute fino ad oggi”.