La Sesta Sezione del Consiglio di Stato con sentenza n° 1302 ha stabilito che in caso di sciopero la trattenuta sullo stipendio deve essere commisurata all’effettiva durata dell’astensione dal lavoro e non più sull’intera giornata…(da ceripnews)

 

 

La notizia è riportata ampiamente su ItaliaOggi di ieri (2 aprile 2013) con un articolo a firma di Francesca De Nardi (“Sciopero, la trattenuta è a ore”).
Nell’articolo si precisa che nel corso degli scrutini l’Amministrazione aveva disposto la trattenuta per l’intera giornata lavorativa anche se lo sciopero era stato di durata inferiore all’orario di servizio dei docenti. Da qui il ricorso di alcuni docenti campani.
Il Tar per la Campania , in prima istanza aveva già ritenuto illegittima la trattenuta in considerazione di quanto previsto dall’art. 171 della Legge n° 312/1980, secondo cui “per gli scioperi di durata inferiore alla giornata lavorativa, le trattenute sono limitate all’effettiva durata dell’astensione dal lavoro”. Adesso il CdS ha confermato la decisione di primo grado precisando che lo sciopero orario anche durante gli scrutini non poteva compromettere il regolare svolgimento degli stessi fino a vanificarne la funzionalità e meno che mai i docenti in sciopero potevano essere sanzionati per lo svolgimento dell’attività didattica curricolare che non era stato affatto compromessa.