alt

Scuola, slitta il sospirato calendario del conconcorsone per i prof…(da LaRepubblica)

Era prevista per oggi la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell’elenco delle sedi e della distribuzione dei candidati. Ma è comparso solo un laconico comunicato che rinvia tutto a una successiva comunicazione. Le difficoltà a gestire i 321mila candidati

di Salvo Intravaia la Repubblica, 23.11.2012

La Camusso: “Una bomba sociale”Slitta la pubblicazione, prevista per oggi, del calendario delle prove del concorsone a cattedre fortemente voluto dal ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo. Questa mattina, in gazzetta ufficiale, anziché l’elenco delle sedi e dei nominativi dei candidati al concorso per 11.542 posti indetto lo scorso 25 settembre, è comparso un laconico comunicato che rinvia tutto alla gazzetta del 27 novembre. Per quella data, i candidati avranno tutte le informazioni sulla prova preselettiva con risposte a scelta multipla e potranno iniziare a consultare l’Esercitatore, che verrà messo in linea dal ministero, con le 2.500 domande (3.500 con quelle di lingua straniera) predisposte dal Cineca.

Il gran numero di istanze presentate dagli aspiranti insegnanti italiani, ben 321.210, che attendevano il concorso da 13 anni, o addirittura da 22 anni per alcune classi di concorso, ha messo in difficoltà la macchina organizzativa che di domande ne aveva previste 160mila: esattamente la metà. Ma, nonostante il contrattempo che dovrebbe comunque consentire lo svolgimento del quizzone prima delle vacanze di natale, Profumo segue da vicino la partita ed è molto soddisfatto di come stanno andando le cose. Il test di 50 domande a risposta multipla, da svolgere in 50 minuti, dovrebbe essere somministrato ai 321mila candidati in due giornate – che potrebbero essere il 17 e il 18 dicembre prossimi – e in quattro turni al giorno: due di mattina e due di pomeriggio.

In questo modo, saranno poco più di duemila le aule informatiche dove si svolgerà materialmente il concorso, che sarà su base regionale. Il giorno della prova, ogni singolo candidato si ritroverò davanti ad un computer con un blocco di 50 domande estratte a caso dal pacchetto predisposto dal Cineca: 18 di logica, 18 di comprensione del testo scritto, 7 di lingua straniera e 7 di informatica. Ogni candidato, quindi, avrà una prova diversa dal collega che gli siede accanto. Terminata la prova, saranno sufficienti al comitato di vigilanza dieci minuti per comunicare i risultati agli interessati. Per superare la prova occorrerà totalizzare almeno 35 punti sui 50 previsti dalla prova.

La pubblicazione di tutte le domande contemplate per la prova di accesso al concorso non avverrà come è successo per il concorso a preside: tanti file pdf con domande e risposte. Per scoprire tutte le domande selezionate e validate per la prova, basta accedere all’applicazione per 50 volte. E se la macchina organizzativa sta risentendo dell’enorme numero di candidati ammessi alla prova, la sicurezza sembra il punto di forza del concorso. Per la prima volta, la prova preselettiva non produrrà un solo foglio di carta, tranne quelli per la pubblicazione degli esiti, perché l’intera procedura è on line, compresa la correzione. Un aspetto che ha potenziato portato viale Trastevere a potenziare al massimo le misure di sicurezza.